Connettiti con noi

Azzurri

Bonucci: «100 presenze con la Nazionale, non me ne rendo conto»

Pubblicato

su

bonucci focolaio nazionale

Leonardo Bonucci celebra le sue 100 presenze con la maglia dell’Italia: ecco le dichiarazioni del difensore – VIDEO

Leonardo Bonucci, ai canali della FIGC, parla delle 100 presenze con la maglia dell’Italia.

EMOZIONE – «100 presenze sono tante, sono emozionanti, ti passa davanti tutto dalla prima volta alla partita con l’Irlanda del Nord. Devo dire che ero molto emozionato l’altra sera. Forse ancora non me ne rendo conto a pieno, ne parlavo con un mio amico e lui mi ha mandato la classifica dei primi otto e forse mi sono fatto un’idea».

DEBUTTO – «Impossibile dimenticare quel 3 marzo del 2010 a Montecarlo con il numero 2 e la mano fasciata, una gara finita 0-0 e mi ricordo anche il freddo che c’era con un vento intenso e devo dire che ero più emozionato alla 100esima che alla prima anche se giocare accanto a Cannavaro un po’ d’emozione te la da».

PER TUTTE LE NOTIZIE SULLA JUVE VAI SU JUVENTUSNEWS24

PRIMO GOL CON L’ITALIA – «E’ avvenuto nella mia seconda presenza contro il Messico a Bruxelles. Calcio d’angolo, ribattuta la palla è rimasta lì e di sinistro ho tirato più forte che potevo e da 5 metri ho fatto gol. Era il gol del 2-1 poi purtroppo abbiamo perso e siamo ritornati a casa».

MOMENTO PIU’ BELLO – «Ce ne sono stati tanti ma penso il gol su rigore durante i 90 minuti a Neuer all’Europeo è stato bellissimo. Era il primo rigore in carriera per me durante i 90 minuti e quando è entrata la palla è stata una liberazione, una gioia per l’importanza di quel rigore. Poi purtroppo tutti sappiamo come è andata».

FUTURO – «Mi aspetto grandi soddisfazioni, grandi gioie perchè questo gruppo se lo merita, l’Italia e gli italiani se lo meritano. Abbiamo vissuto una brutta pagina con l’eliminazione dal Mondiale 2018 e c’è voglia di rivalsa, cominciando da questo Europeo al Mondiale 2022 e a seguire. C’è voglia di portare l’Italia ad essere amata e rispettata».