Mercato Toro, Cairo: «Belotti senza stampelle a breve, Mihajlovic…»

cairo
© foto www.imagephotoagency.it

Urbano Cairo, presidente del Torino, non pensa al mercato, anzi punta sugli attaccanti attualmente in rosa e rivela una novità su Belotti. Poi si sofferma anche su Mihajlovic e sui diritti tv – 12 ottobre, ore 7.50

Il presidente del Torino Urbano Cairo non ha parlato solamente di Belotti o di calciomercato, ha affrontato anche altri temi importanti durante la sua presenza all’evento di ieri. Un argomento importante è stato il contratto di Sinisa Mihajlovic, attuale tecnico granata: «Ha un contratto in scadenza a giugno, ma se si raggiungesse l’Europa League il rinnovo sarebbe automatico. Ho un rapporto ottimo con lui, avremo tempo per riparlarne». Non solo Miha, è stato tirato in ballo anche il fattore dei diritti tv venduti all’estero, del quale Cairo ha riferito: «De Laurentiis? Reazione tardiva, la nostra Serie A è a un livello lontano da Liga e Premier League. Oggi non condivido il grido di dolore. Intanto accogliamo un aumento importante».

Mercato Toro, Cairo: «Non ci serve un altro attaccante, Belotti senza stampelle a breve»

Il Torino è ancora orfano del Gallo Belotti ma Cairo predica calma e spinge il tecnico ad utilizzare gli elementi in rosa, piuttosto che pensare all’ipotesi di mercato Giuseppe Rossi in granata. Ecco quanto dichiarato a margine della presentazione del Premio Cairo, come riferisce la redazione di Toro.it: «Non credo che manchi un attaccante. Abbiamo Sadiq e, poi, lo stesso Niang può giocare centralmente. Abbiamo un ottimo reparto offensivo e mi dicono che Belotti a giorni toglierà le stampelle. Sarebbe inutile comprarne un altro, quando con il Gallo in campo, non giocherebbe mai».

Il Presidente, quindi, sposta l’attenzione su altri temi caldi in casa granata: «Il bilancio stagionale, fin qui, è positivo: abbiamo buttato via qualche punto ma siamo pur sempre sesti in classifica. Ciò anche a causa del Var, di cui sono sostenitore, ma credo che con il tempo sarà utilizzata meglio dai nostri arbitri, che peraltro sono molto bravi. Difesa? Al di là dei 4 gol subiti nel derby, i vari Lyanco, N’Koulou e Ansaldi, come lo stesso Sirigu, stanno facendo bene. Mihajlovic? Ha un contratto fino al 2018 con noi e, in caso di qualificazione europea, il rinnovo scatterà in automatico».