-->
Connettiti con noi

Calcio italiano

Calcagno: «Repressione dura verso il razzismo. Colpevole chi non prende le distanze»

Pubblicato

su

Umberto Calcagno, presidente dell’Assocalciatori, ha detto la sua sul fenomeno del razzismo nel calcio italiano

Ai microfoni di Radio Cusano, il presidente dell’Assocalciatori Umberto Calcagno ha affrontato il tema razzismo:

«Siamo arrivati a un punto in cui la serialità di questi eventi ci impone una riflessione, dobbiamo capire tutti insieme come andare avanti. Le dichiarazioni dei giocatori di questi ultimi giorni sono univoche: bisogna capire tutti insieme cosa fare per incidere sul problema, una piaga che dobbiamo assolutamente curare. A mio modo di vedere è chiaro che la fase repressiva dev’essere molto, molto dura e dobbiamo continuare a reprimere perché colpire con precisione i soggetti che hanno questi tipi di atteggiamento è importante. A me piacerebbe che tutte le persone che sono accanto a questi soggetti all’interno dello stadio avessero un atteggiamento differente da quello che abbiamo visto. A mio modo di vedere non è solamente colpevole chi fa un determinato gesto o dice una determinata frase, ma anche i soggetti che sono lì intorno e non ne prendono le distanze».