Lazio, caso Morrison: multa e addio?

© foto www.imagephotoagency.it

Per la difesa spunta l’idea Djilobodji del Chelsea

La Lazio ha creduto in Ravel Morrison, trovando l’accordo a gennaio e portandolo a Formello a luglio, ma l’impatto non è stato entusiasmante già in primavera. Subito nostalgia per l’inglese, che ha destato diverse perplessità in Stefano Poli. Mercoledì ha chiesto un permesso alla società biancoceleste, che non gliel’ha concesso, ma Morrison ha deciso di partire comunque per l’Inghilterra a poche ore dalla partita di Europa League con il Dnipro. Legato alla Lazio da un contratto con scadenza nel 2019, Morrison ha firmato clausole precise sul comportamento, quindi il patron Claudio Lotito, come riportato da La Gazzetta dello Sport, può rivalersi. Improbabile un divorzio, ma la storia è data per finita: l’agente potrebbe chiedere la cessione dopo che avrà ricevuto una multa salata da consegnare al suo assistito.

LA LISTA – In chiave mercato si segue Djilobodji per la difesa: il calciatore senegalese classe ’88 non trova spazio nel Chelsea. Frenata per Douglas, che il Dnipro vorrebbe cedere solo a titolo definitivo e per 10 milioni di euro. Troppi per la Lazio, mentre Galatasaray, Fenerbahçe e Besiktas possono metterli sul piatto. Secondo il Corriere dello Sport, può tornare di moda Ron Vlaar, entrato in orbita Everton e Manchester United. E’ stato proposto più volte Terziev, in scadenza con il Ludogorets. Stessa situazione per Matip, che ha rifiutato la proposta di rinnovo dello Schalke 04. Qualche sondaggio c’è stato per N’Koulou, ma il Lione chiede un ricco indennizzo. C’è Ranocchia (Inter), ma l’ingaggio è pesante, mentre l’Empoli non vuole far partire a gennaio Tonelli.