Milan italiano: il nome nuovo è Pellé

© foto www.imagephotoagency.it

Piacciono anche Baselli e Candreva, suggestione Zaza per l’attacco

Si ricomincia a parlare di calciomercato in ottica estiva: non se ne può proprio fare a meno purtroppo. Tra le varie rivoluzioni annunciate, l’ennesima in casa Milan, dove in caso di mancata qualificazione alla prossima Champions League potrebbe saltare la panchina di Sinisa Mihajlovic, e potrebbe arrivare qualche nuovo giocatore. Sicuramente arriverà un attaccante, specie in caso di addio di Mario Balotelli (di ritorno dal prestito secco al Liverpool) e qualcun altro… Il nome su cui potrebbe puntare la dirigenza rossonera è quello di Graziano Pellé, attaccante italiano attualmente in forza al Southampton dove sta facendo molto bene. Pellé, come vi avevamo spiegato in esclusiva tempo fa, era obiettivo anche del Chelsea, ma prima dell’esonero di José Mourinho, adesso invece potrebbe tornare nel campionato italiano, dove non ha mai avuto particolarmente fortuna come invece all’estero. Pellé sarebbe l’alternativa all’attaccante del Genoa Leonardo Pavoletti, pure lui nel mirino, cercato anche dall’Inter in vista della prossima stagione.

MILAN: CANDREVA, BASELLI E ZAZA – Non solo l’attacco rossonero potrebbe essere rinforzato: non è da escludere, ad esempio, un ritorno di fiamma per il centrocampista del Torino Daniele Baselli, puntato già un anno fa quando ancora giocava nell’Atalanta. Per la trequarti invece si starebbe sondando il terreno in casa Milan per Antonio Candreva: il fantasista ed esterno della Lazio aveva già fatto sapere mesi fa di poter lasciare i biancocelesti al termine di questa stagione, anche se per lui le offerte effettivamente anche dall’estero non mancherebbero di certo. L’ipotesi più complicata per i rossoneri, ma anche forse la più ambiziosa, è Simone Zaza: l’attaccante della Juventus (che pare essere tifoso milanista) non è un titolare fisso in bianconero, ma sta figurando molto bene comunque nei pochi minuti che Massimiliano Allegri gli concede. La Juve lo ha pagato 18 milioni, difficilmente dunque lo cederà per una cifra inferiore a quella.