Palermo, serve un tesoretto da 30 milioni

© foto www.imagephotoagency.it

Le mosse: via Vazquez e Lazaar, Goldaniga invece resta

C’è molto da fare sul fronte mercato in casa Palermo. A partire dai rinforzi, la questione è stata posticipata: la priorità del direttore sportivo Rino Foschi è vendere. La bravura nelle cessioni del nuovo dirigente è uno dei fattori che ha spinto il patron Maurizio Zamparini a portarlo in Sicilia. L’obiettivo è ricavare 30 milioni di euro, ma i pezzi pregiati sono pochi: Franco Vazquez e Lazaar. C’è anche Edoardo Goldaniga, che piace alla Fiorentina e alla Sampdoria, ma potrebbe restare, perché la società vuole farne un punto di riferimento.

NUOVE IDEE – In entrata ci si muoverà cercando giovani da lanciare, promesse su cui puntare: c’è l’idea Roberto Insigne (Avellino), ma piace anche Jean Armel Drolè (Perugia). C’è poi un vero e proprio casting per la cabina di regia: è emersa l’idea Panagiotis Tachtsidis, che non ha né costo eccessivo né ingaggio alto. Per il centrocampista del Genoa, però, c’è anche il Bologna. Matteo Scozzarella, invece, sarebbe la scommessa: c’è già stato un sondaggio con il Trapani. Operazione dai costi irrisori. Il Palermo ci pensa.