Sampdoria su Immobile, ecco perché è dura

© foto www.imagephotoagency.it

Per la difesa si punta Oikonomou, il Torino insiste per De Silvestri

Ciro Immobile di ritorno a Genova? Sì, ma non al Genoa, bensì alla Sampdoria. Per il momento è solo un’ipotesi, anche parecchio lontana, che potrebbe essere nella testa del presidente blucerchiato Massimo Ferrero. Immobile, di ritorno al Siviglia dopo il prestito al Torino dell’ultima parte della scorsa stagione, piace e, del resto, è noto, alla Sampdoria serve in questo momento una punta. Restano però i nodi da sciogliere: Immobile è valutato dal Siviglia circa 10 milioni di euro ma, soprattutto, ha un ingaggio da 2 milioni di euro netti e per lui non mancano le pretendenti. Tradotto: al momento l’ipotesi Immobile in casa Sampdoria è abbastanza lontana, ma non è escluso che con la cessione di Fernando allo Spartak Mosca (se ne riparlerà la prossima settimana) e magari di un altro paio di pedine, come Luis Muriel e Roberto Soriano, alla fine la Sampdoria non decida di compiere un sacrificio per portare l’attaccante napoletano, che piace anche alla Lazio, a Genova.

SAMPDORIA: PIACE OIKONOMOU, DE SILVESTRI VERSO TORINO? – Non è solo in attacco che la Sampdoria si sta muovendo al momento: in difesa piace ad esempio Marios Oikonomou, giocatore del Bologna in uscita (i rossoblu avrebbero in mente l’idea di fare cassa con la cessione del greco per puntare altrove): su di lui c’è pure il Cagliari, ma la Sampdoria ha buone possibilità di spuntarla. Il Torino di Sinisa Mihajlovic, invece, continua a guardare con attenzione a Lorenzo De Silvestri: l’ex Lazio è ritenuto il sostituto ideale di Davide Zappacosta, giocatore che i granata potrebbero cedere nei prossimi giorni al Sassuolo. Sullo sfondo restano altri nomi intriganti in casa sampdoriana, quasi tutti a dire il vero per l’attacco: uno di questi è Marko Arnautovic, ex Inter attualmente in forza allo Stoke City. A centrocampo, riporta Il Secolo XIX oggi, occhio sempre a Mirko Valdifiori del Napoli, ma anche su questo argomento si è quasi detto tutto per il momento.