Chievo Verona – Milan: precedenti a favore dei rossoneri, ma il Bentegodi può essere Fatale per Allegri (VIDEO)

© foto www.imagephotoagency.it

CHIEVO VERONA MILAN SERIE A PRECEDENTI – Quella di domani pomeriggio sarà la dodicesima sfida tra Chievo Verona e Milan al Bentegodi. I precedenti, sino a questo momento, sono del tutto a favore del ‘Diavolo’, capace di espugnare il campo dei clivensi in otto occasioni, pareggiare in una ed essere piegato soltanto due volte. I rossoneri, però, dovranno faticare molto per continuare la striscia positiva in casa della società di Campedelli: il momento è tutt’altro che positivo, avendo racimolato soltanto un punto nelle ultime tre gare di campionato, a cui va aggiunto anche il ko in Champions League contro il Barcellona. Non va meglio per i padroni di casa, ancorati all’ultimo posto in graduatoria a quota 5 punti: chi sbaglia tra Allegri e Sannino rischia il posto.

FILOTTO – Tra i due tecnici, però, quello che può sorridere è Massimiliano Allegri: da sei stagioni, infatti, il Milan esce con l’intera posta in palio dal Bentegodi. Ad aprire il filotto fu Clarence Seedorf l’11 aprile del 2009: la sua rete risultò poi decisiva  per il successo finale. L’ultimo confronto risale al 30 marzo scorso: un gol di Montolivo lanciò la squadra rossonera nella rincorsa al terzo posto.

STORIA – Poche, ma storiche, le vittorie dei Clivensi. Al primo scontro in assoluto tra i due club, il Chievo delle meraviglie di Del Neri piegò il Milan: le reti di Marazzina, Bierhoff e Cossato resero inutili i gol di Shevchenko e Tomasson e consentirono ai clivensi di ottenere i tre punti. L’ultima vittoria è datata 3 dicembre 2005: Pellissier e Tiribocchi rimontarono l’iniziale vantaggio rossonero firmato Kaladze.

PROTAGONISTI – Anche tra i due allenatori, i precedenti parlano chiaro: Allegri batte Sannino 3 a 0. Per il tecnico campano due ko quando guidava il Siena (2-0 a San Siro e 1-4 al Franchi) e uno con il Palermo (2-0). Dunque, il passato sorride ad Allegri, il quale, però, dovrà ricordarsi che conta il presente: e uscire senza punti da Verona potrebbe essere fatale. Un’altra Fatal Verona, da espiare in prima persona.