Connettiti con noi

Hanno Detto

Conferenza stampa Inzaghi: «Bologna complicato. Covid? L’incertezza non fa bene»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Conferenza stampa Inzaghi: le parole del tecnico dell’Inter alla vigilia della partita di campionato in casa del Bologna

L’Inter torna in campo dopo la sosta natalizia, ospite del Bologna nel primo match del 2022 e del girone di ritorto del campionato di Serie A. Simone Inzaghi ha analizzato così in conferenza la gara.

BOLOGNA – «Sarà una sfida complicata, affrontiamo una squadra che nell’ultima dell’anno ha vinto meritatamente 3-0 con il Sassuolo. Sappiamo il valore dell’avversario, conosco bene l’allenatore che dà una buonissima organizzazione. Servirà una gara importante».

COVID – «Penso che sia un clima di incertezza che non fa bene al calcio. Noi andiamo a Bologna e abbiamo tre positivi, loro ne hanno otto. Sappiamo sia io che Sinisa che fino all’inizio della gara dovremmo essere pronti a tutto. Non si possono preparare le partite come sempre, non fa bene al calcio, ma la cosa coinvolge tutto. Ci sono le autorità che decidono, ci è stato detto che si gioca sia a Bologna che la Supercoppa e quindi nessun problema, giocheremo di volta in volta».

CENTROCAMPO – «E’ normale che abbia un’idea in testa, me la porto fino all’ultima con me. Abbiamo i tre positivi, Calha squalificato. Ho la fortuna di avere a disposizione altri giocatori, domani mattina parlerò con i ragazzi e deciderò all’ultimo».

RISCHIO EUFORIA – «Io penso che come ho già detto le voci sul bel gioco devono essere uno stimolo. Abbiamo vinto il titolo d’inverno che non conta, ci fa piacere essere in testa e abbiamo visto che ci sono stati vari avvicendamenti in vetta. Gli avversari proveranno sempre a crearci delle problematiche».

PAROLE LUKAKU – «Non mi va di parlarne, è una cosa che non conosco e non è di mia competenza. Posso solo dire che Lukaku è un grandissimo giocatore e che qui all’Inter ha fatto due anni straordinari. Con me ha fatto dieci giorni nel migliore dei modi, parliamo di un top player che sposta gli equilibri e gli auguro di fare bene».

SOSTA – «Il mio auspicio è quello di ritrovare la squadra come l’ho lasciata alla Vigilia di Natale. Siamo coscienti che domani troveremo una squadra preparata davanti. Negli ultimi giorni i ragazzi hanno lavorato nel migliore dei modi, troveremo domani una squadra con giocatori insidiosi e di qualità».

MERCATO – «Il ruolo di favorito due mesi fa non ce lo dava più nessuno e ora lo dicono perché siamo tornati in testa. Per quanto riguarda il mercato aspettiamo l’arrivo del presidente, siamo sempre attenti e ho la fortuna di avere Marotta e Baccin che lavorano in una unica direzione. In questo momento siamo concentrati sulle partite».

LA CONFERENZA COMPLETA SU INTERNEWS24

Advertisement

Facebook

Advertisement