Connettiti con noi

Calcio italiano

Empoli, Andreazzoli: «Contro la Salernitana una gara che vale 4 punti»

Pubblicato

su

Aurelio Andreazzoli ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro la Salernitana: le sue dichiarazioni

Aurelio Andreazzoli ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro la Salernitana. Le sue dichiarazioni.

SALERNITANA – «Di solito parliamo di tre punti, questa volta possiamo parlare di quattro. È evidente che le partite assumono importanza diversa dallo strettamente riferito al risultato. noi arriviamo da un ko che abbiamo analizzato in modo serio e preciso e sappiamo quanto dobbiamo raccogliere da quella partita. E’ quel percorso che diciamo spesso ci deve portare a migliorare. I miglioramenti, se si vedono contro l’Atalanta, hanno un valore consistente perché di un certo livello. Crediamo odi avere imparato da questa sconfitta. Ci abbiamo lavorato molto, anche sugli aspetti positivi. Sappiamo in cosa dobbiamo migliorare, nelle cose semplici. Andiamo avanti per la nostra strada nel tentativo di fare il più in fretta possibile ma sempre con lo stesso ordine di idee. Continuare sulla nostra strada diventando più completi di quello che siamo ora».

PINAMONTI – «In linea generale credo che sia un rilievo giusto da fare. Se gioca con due trequartisti si dovrebbe sentire teoricamente un po’ più solo, ma abbiamo fatto 30 attacchi contro i 35 dell’Atalanta e quindi i numeri dicono altro. Noi non abbiamo preclusioni di nessun tipo e abbiam una batteria d’attaccanti valida anche numericamente. Di volta in volta vedremo come fare».

BAJRAMI – «Anche io vorrei vedere Bajrami dietro le punte e vedere tutte le punte giocare insieme. Sono tutte soluzioni e le valutiamo a seconda dell’avversario, di quello che mi fanno vedere e della condizione. Sono tutti eccellenti nel comportamento e questo mi mette in difficoltà. Noi abbiamo l’abitudine di stimolare a dare ancora di più e se ciò succede siamo più contenti di dargli una possibilità rispetto a chi potrebbe dare ancora di più e attualmente non riesce a darlo».