Esclusiva, Osio: “Parma, serve un attaccante. Europa League alla portata”

© foto www.imagephotoagency.it

Chi meglio del “Sindaco” Marco Osio può parlare delle vicende di casa Parma? La redazione di CalcioNews24.com ha intervistato in esclusiva l’ex bandiera gialloblu che ha toccato diversi temi.

Marco, qual è la tua valutazione sulla campagna acquisti del Parma?
Il mio giudizio è abbastanza positivo. Non sono state fatte cose straordinarie, ma mi aspetto il colpo da novanta: credo che negli ultimi giorni di mercato possa esserci il botto finale. Si è fatto poco finora, ma quello che c’era da fare è stato fatto. Mi riferisco al riscatto di Giovinco e alla conferma di Zaccardo che era sul piede di partenza“.

In che reparto ti aspetti un rinforzo?
Credo ci sia assolutamente bisogno di una nuova pedina in attacco. Serve un valido attaccante che possa dar fiato al sempreverde Crespo. Hernan resta comunque un grandissimo giocatore e si è fatto sempre trovare pronto quando è stato chiamato in causa“.

Per questo motivo si è parlato di Floccari e Floro Flores, chi prenderesti?
Floccari sarebbe sicuramente un giocatore all’altezza. E’ un grandissimo centravanti che vede molto bene la porta. Anche un attaccante come Floro Flores non mi dispiacerebbe. Sono entrambi calciatori importanti che sanno fare la differenza“.

Amauri: ritorno importante ma difficile…
Sarebbe un acquisto importantissimo per quello che ha già  dimostrato a Parma e per il giocatore che è. Si tratta di un giocatore importante, a Torino ha fallito ma nelle ultime due stagioni hanno fallito in tanti alla Juve. Il suo valore non si discute“.

Che campionato ti aspetti dalla compagine ducale?
Se dividiamo la classifica in quattro sezioni, in questo momento il Parma è tra quelle squadre che dovranno accontentarsi del secondo o terzo gradino. Ma per questo obiettivo bisognerà  giocare ad alti livelli sbagliando poco e i ducali ce la possono fare. La squadra gialloblu potrà  lottare per la zona Europa League, ma dovrà  fare attenzione a non essere risucchiata nei bassifondi della classifica“.