Connettiti con noi

Hanno Detto

Perez: «La Superlega non è morta. Proteste dei tifosi? Se volete vi dico chi sono…» – VIDEO

Pubblicato

su

Florentino Perez parla del progetto Super League naufragato nelle giornata di oggi: le sue dichiarazioni

Florentino Perez torna a parlare del progetto Super League e lo fa ai microfoni della trasmissione radio El Larguero. Il presidente del Real Madrid, tra i primi fautori del progetto insieme ad Andrea Agnelli, spiega i motivi del naufragio della Super League.

SUPER LEAGUE – «Forse non abbiamo spiegato bene il progetto della Super League, ma forse stasera lo spiegherò meglio. Sono davvero triste e deluso. Io presidente? Mi basta esserlo del Real Madrid».

DELUSIONE – «Sono triste e deluso. Stiamo lavorando al progetto da tre anni, che doveva combattere la situazione economica. La Liga è intoccabile e dove potevamo trovare qualcos’altro era durante la settimana. Il format della Champions League è obsoleto e vecchio, interessa solo dai quarti di finale in poi».

DEBITI – «Le 12 squadre con cui eravamo ieri hanno perso tra tutti i 650 milioni di euro e questa stagione due o tre volte di più. Dato che il format non funziona, abbiamo deciso di riunire 12 dei più grandi club. Abbiamo fatto i numeri e abbiamo pensato che avremmo potuto guadagnare molti più soldi, per i grandi e per i piccoli, nei campionati e in UEFA».

LA GIORNATA DI IERI – «Non ho mai visto un’aggressività più grande. Dalla UEFA e dalle Leghe. È stato orchestrato e ci ha sorpreso. Quando abbiamo dato la notizia abbiamo chiesto di parlare con la UEFA. Quell’aggressività non l’ho vista. Minacce e insulti, come se avessimo ucciso qualcuno, come se avessimo ucciso il calcio. Cerchiamo tutti di iniziare a parlare. C’era qualcuno nel gruppo inglese che non aveva alcun interesse e ha contagiato il resto e sono entrati dei dubbi. Non è mai stato convinto. Di fronte a questa valanga, hanno detto che stavano uscendo dal progetto».

CLUB DI PREMIER LEAGUE – «Il Manchester City ha iniziato una campagna che stavamo per porre fine al calcio e ai campionati. Sono in una situazione scomoda, molti sono americani. Ci sono persone che vogliono mantenere i propri privilegi anche a costo della rovina dei club».

MOMENTO PEGGIORE – «Se non è necessario, non lo facciamo, ma non c’è altra soluzione. Ci mancavano tre club, i tedeschi e il PSG e altri cinque club. Volevamo accogliere tutti. Senza quei tre il progetto era fattibile».

UEFA – «La UEFA ha dato spettacolo, il presidente deve avere ragione. Sembrava che avessimo sganciato una bomba atomica. Non ci hanno dato l’opportunità di spiegarlo perché non vogliono che accada nulla. Non può essere che i grandi chiedano il perduto. Non è vero che è la fine del calcio. Ora i ricchi perdono soldi. È una piramide e se non ci sono soldi lassù, non ci sono soldi per gli altri».

SUPER LEAGUE IN STAND-BY – «Juventus e Milan non hanno lasciato la Super League. Real Madrid, Barcellona, Juventus e Milan sono ancora in trattativa per trovare soluzioni».

AGNELLI – «Ho parlato con Agnelli tre volte oggi. Sarebbe un peccato se non consolidassimo questo format».

RONALDO MESSI – «Il calcio è gestito da grandi giocatori, come il tennis. Il fenomeno Messi-Cristiano non ha giovato solo a Real Madrid e Barça, ma a La Liga e al mondo del calcio. Deve esserci chi se lo è guadagnato negli ultimi 20 anni, chi ha più social e tifosi di calcio, perché ne abbiamo bisogno. Se la tua squadra gioca, la vedrai. Dicono che siamo tutti uguali, ma ci sono partite che nessuno vede. È difficile per me vederle… E se è difficile per me… Perchè guarderesti Elche-Valladolid? Per Ronaldo».

CONTRATTI VINCOLANTI – «Non hanno fatto passare neanche 24 ore. Laporta deve parlare. Io credo che gli inglesi non se ne siano andati. Hanno lavorato con molta illusione e sono stanchi. Hanno incontrato alcune forme di reazione. I contratti erano firmati e vincolanti. Dal contratto non si può uscire, non prenderemo provvedimenti legali. Nella Champions non ci sono entrate, cerchiamo più entrate. Madrid è ricca di trofei. Ho pagato tutto io».

RITORSIONI UEFA – «Non ho paura di ritorsioni da parte dell’UEFA, ma sono preoccupato. Il presidente ha detto sul fair playche bisognava proteggere coloro che sostengono finanziariamente le sue squadre. Ciascuno lo interpreti come vuole. Avevamo preparato che ognuno parlasse in ogni luogo. Siamo stati uccisi con un’aggressività terribile. Ci stavano aspettando, sapevano che stavamo per farlo. Chi ha voluto fare del male lo ha fatto, quando verrà vedremo cosa succederà. Abbiamo perso 2.000 milioni di euro insieme».

CALCIOMERCATO – «Senza la Super League non ci saranno grandi acquisti. Né per Madrid né per gli altri. Stiamo ora lavorando per chiudere questa stagione. In generale non ci saranno grandi acquisti. Mi offro di parlare con chiunque approfitti della forza dei club nei diritti televisivi. Non ci hanno permesso di spiegare cosa intendiamo per solidarietà».

ESTROMISSIONE DALLA LIGA – «Non verrei a parlare se potrebbero cacciarci. Lo ha detto il giudice. Sono venuto per costruire. Non sono stato l’unico promotore. Ho una certa credibilità. Non commento quello che ha detto Tebas. Il Real Madrid non va dove non è invitato, ma non importa. Tebas deve pensare come un’industria».

RAPPORTI CON ALTRI CLUB – «La Super League non influenzerà i rapporti con i club, ho una storia, ho credibilità e vado d’accordo con tutti».

GRAVITA’ DELLA SITUAZIONE – «Bisogna convincere i giovani, abbiamo parlato con diversi operatori. La situazione è gravissima. Voglio un cambio, negli USA si conoscono gli stipendi di giocatori e dirigenti. Qui dovrebbe esserci trasparenza. Il calcio ha bisogno di un sacrificio, ma se un giorno pensiamo che non stia succedendo niente piangeremo».

RINNOVO SERGIO RAMOS – «Vedremo. Stiamo chiudendo la stagione e chiediamo ai nostri giocatori di fare un grande sforzo. Ovviamente voglio che rimanga. Il suo futuro dipende dalla situazione della società, non si tratta solo di Sergio».

SOCI REAL MADRID – «Quando ho preso il comando, il Real non poteva pagare i suoi giocatori. Abbiamo cambiato il mondo con gli acquisti del Galactico. Ora dopo il COVID-19 le cose devono cambiare di nuovo. Chiedere ai soci se sono d’accordo con la Super League? Devo anche chiedere loro quali giocatori vogliono che acquisti?».

CAMBIO DELLE COMPETIZIONI – «L’unica cosa che cambierà è la Champions League per la Super League. I campionati sono intoccabili».

PROTESTE TIFOSI CHELSEA – «C’erano 40 persone fuori Stamford Bridge … e se vuoi ti dirò chi le ha portate lì».

GIOCATORI – «I giocatori e i capitani non hanno molto da dire, si fanno pagare molto e noi lavoriamo per pagarli».

CEFERIN – «Voglio un presidente istruito, che non insulti, non voglio di più. Che non ponga trappole. Siamo in un Europa democratica. Quel modo di parlare, di presentarsi, di insultare un presidente di un club centenario (Agnelli, ndr)».

ZIDANE – «Non riesco a immaginare il Real Madrid senza Zidane la prossima stagione. Voi giornalisti siete molto noiosi, gli chiedete sempre la stessa cosa. Zidane ha un contratto, è una leggenda. Alcuni se ne andranno e se se ne andranno se ne andranno come una leggenda. Non si alzerà un giorno e lo avranno licenziato».

Advertisement