Connettiti con noi

Roma News

Fonseca: «Ho una scommessa in ballo con Veretout. Su Dzeko e Borja Mayoral…»

Pubblicato

su

fonseca

Paulo Fonseca, tecnico della Roma, ha parlato ai microfoni di DAZN dopo la vittoria contro l’Udinese. Le sue dichiarazioni

Paulo Fonseca, tecnico della Roma, ha parlato ai microfoni di DAZN dopo la vittoria contro l’Udinese. Le sue dichiarazioni.

SODDISFAZIONE«Sì, sono molto soddisfatto. Siamo entrati forte nella partita. Abbiamo fatto 3 gol. Nel secondo tempo abbiamo gestito bene la partita, importante non prendere gol. Abbiamo fatto una bellissima partita».

DZEKO E BORJA MAYORAL – «Sono due giocatori diversi, dipende dalla partita e da come difende l’altra squadra. E’ vero che la profondità di Mayoral è importante, oggi ha lavorato tanto in difesa e in attacco, anche se non ha fatto gol. Nel secondo tempo era importante fare entrare Dzeko, il suo appoggio è stato molto importante, ma anche lui ha giocato in profondità. Hanno giocato entrambi bene».

RENDIMENTO CON LE BIG – «Dobbiamo migliorare principalmente i risultati. Con la Juve abbiamo fatto una buona partita con un buon rendimento. Abbiamo sbagliato nell’ultimo momento, ma stiamo lavorando anche per migliorare nelle partite con le grandi. L’importante però è fare i tre punti e oggi lo abbiamo fatto».

VILLAR – «Era importante fare una pressione forte su De Paul che è un bellissimo giocatore. Era importante non fargli avere spazio per decidere e Villar ha fatto molto bene».

CRISTANTE – «Bryan è un giocatore molto intelligente. Ieri abbiamo avuto un problema con Kumbulla e lo abbiamo fatto giocare in una posizione dove ha giocato molte volte. Oggi ha fatto una buona partita, controllando bene la profondità. E’ un leader che aiuta la squadra a essere corta, è un giocatore che può fare bene in questa posizione come ha fatto sempre».

VERETOUT – «Abbiamo parlato dei gol perché io ho una sfida con lui che è il numero di gol: gli ho detto che deve fare più di 10 gol. Lui è a nove gol e gli ho chiesto “Quanto manca?” e lui mi ha detto “Uno”. E’ stata molto importante l’azione di Veretout. Era importante fare arrivare Jordan più avanti, ha fatto tanti movimenti per aprire altri spazi. E’ importante avere lui a fare questo tipo di movimento»

Advertisement