Di Francesco pre-Spal: «Non possiamo più sbagliare! Napoli-Juve? Spero nel pari»

Iscriviti
Di Francesco
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di Eusebio Di Francesco, allenatore della Roma, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia dell’incontro con la Spal

La Roma aprirà le danze della 15ª giornata affrontando la Spal all’Olimpico venerdì alle ore 18.30. Eusebio Di Francesco, allenatore giallorosso, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia dell’incontro. Queste le sue parole: «Ho detto ai ragazzi che non si può più sbagliare perché davanti vanno forte. Abbiamo grande rispetto per la Spal che nel primo tempo col Chievo meritava qualcosina in più e verrà a giocarsela, è un avversario da prendere con le molle che in attacco ha giocatori esperti e se entriamo in campo con la mentalità sbagliata ci può far male. Emerson Palmieri? Non è al 100% ma è in grande crescita e nell’ultima settimana ha fatto miglioramenti importanti. Sta alzando il livello dei suoi allenamenti e in queste gare potrebbe essere utilizzato. Schick titolare? Ha fatto gli allenamenti con grande continuità, senza dolorini, ed è importante. Non so se giocherà dall’inizio, deciderò tra l’ultimo allenamento e domani, parlando anche col ragazzo. Totti vuole Tommasi presidente della FIGC, Montella ct, Scudetto al Napoli se non dovesse vincerlo la Roma? Mi è piaciuto per come ha parlato del figlio, ha parlato di educazione, di rispetto e crescita, parlando di un bambino, non dando pressioni al ragazzo. Secondo voto poi per Tommasi e Montella. Scudetto? Spero che arrivi un po’ più al Nord rispetto al Napoli. Battute a parte il Napoli quest’anno ha davvero le carte giuste per vincere lo Scudetto».

Prosegue Eusebio Di Francesco: «Luca Pellegrini? Abbiamo Kolarov ed Emerson. Lui ha grandi potenzialità ed è stato sfortunato perché avremmo potuto vederlo dal vivo contro squadre importanti durante la tournée. Deve ritrovare la forma ma è un ragazzo caparbio e sabato probabilmente giocherà con la Primavera, le qualità però ci sono. Cosa invidio a Sarri e Allegri? L’invidia non fa parte di me, spero di restare anch’io a lungo su una panchina. Napoli-Juve? Spero nel pareggio. De Rossi? E’ un vero romanista e ha bisogno di sentire la gente accanto nei momenti di difficoltà. La prima cosa è stata dargli uno schiaffo, proprio come lui ha fatto con Lapadula… – ha sorriso Di Francesco –. Scherzi a parte: Daniele ha sbagliato, non è la prima volta che gli capita. C’è un regolamento interno e ne pagherà le conseguenze. Under? Domani potrebbe esserci una chance, giocherà o lui o Schick. E’ cresciuto tanto ma non è facile. Chi ha giocato al suo posto ha fatto bene ma lui non ha mai smesso di allenarsi in un certo modo. Nainggolan e Perotti? Radja non verrà convocato a causa di un affaticamento dovuto al fatto che ha giocato tante partite e devo dire che ha giocato anche in condizioni non ottimali e abbiamo scelto un percorso per riportarlo all’interno della squadra sabato o domenica. Perotti difficilmente sarà in campo dal 1′ minuto, valuteremo se portarlo in panchina o meno. Lorenzo Pellegrini? E’ un ’96 e i giovani vanno supportati e non messi alla gogna. Non ha fatto una prova brillantissima ma sono sereno perché ha grandi qualità e deve stare tranquillo, vivere con serenità questa sua avventura. Cambio modulo con Schick? Non sono più integralista, questo lo abbiamo assodato. Quando qualcosa va bene mi sembra assurdo e sbagliato cambiare. Lui ha qualità e spero di poterle sfruttare a meglio e ora è un valore aggiunto per noi».