Udinese-Milan, è Gattuso contro Oddo: gli aneddoti di Braida

© foto www.imagephotoagency.it

La sfida Gattuso-Oddo in Udinese-Milan fa scattare in mente a Ariedo Braida molti ricordi: il dirigente del Barcellona li ha avuti e coccolati in rossonero

Udinese-Milan metterà di fronte Gennaro Gattuso e Massimo Oddo, due allenatori che hanno vinto parecchio con il Milan e con l’Italia. Ariedo Braida ora è dirigente al Barcellona, ma ai tempi del Milan li ha coccolati e cresciuti e ha vinto assieme a loro. Gli aneddoti rossoneri non mancano di certo, li racconta lo stesso Braida. Oddo, per esempio, è arrivato al Milan da ragazzino ma aveva davanti troppi fenomeni, poi è tornato dopo l’esperienza alla Lazio: «Intravedevo già all’epoca la stoffa del tecnico, è intelligente e preparato. Sia lui che Rino avranno una gran carriera da allenatori».

Su Gattuso i retroscena si sprecano. A La Gazzetta dello Sport Braida racconta quando lo prese dalla Salernitana e all’inizio Zaccheroni lo faceva giocare poco: «Gli dissi di non rompere le scatole, avrebbe giocato. In seguito lo volevano molte squadre, tra cui il Bayern, ma anche allora gli dissi di rimanere. Il Milan era la crema del calcio mondiale». Poi c’è un aneddoto che esprime bene cosa sia stato Gattuso da calciatore e cosa sia Gattuso per il Milan. Risale alla notte dopo Manchester, quando nel 2003 il Milan batté la Juventus in finale di Champions League: «Organizzò nel campo davanti all’hotel una partitella in famiglia a cui parteciparono anche alcuni dirigenti, fra cui io. C’era molta adrenalina».