Genoa, Preziosi: «Sono legato a Pandev. Perin? Vedremo»

preziosi galliani genoa milan
© foto www.imagephotoagency.it

Il presidente del Genoa Enrico Preziosi è intervenuto ai microfoni de La Gazzetta dello Sport. Ecco le sue parole sui rossoblù

Il presidente del Genoa Enrico Preziosi è intervenuto ai microfoni de La Gazzetta dello Sport. Ecco le sue parole sui rossoblù e sulla salvezza:

SALVEZZA – «Se fisicamente non vai, la solidità mentale non basta, e viceversa. Solo i grandi club possono avere l’abitudine a giocare ogni tre giorni: per l’ottanta per cento delle società, invece, è un fatto nuovo, con molte incognite».

COVID-19 – «Una situazione come quella ti impone una riflessione che spazia dal calcio alla vita familiare ed aziendale. Non sono un ragazzino rampante: a 72 anni ne ho viste di tutti i colori, quindi ho fatto riflessioni sul senso della vita, sulla volontà di inseguire certi sogni, e quale sia lo spazio che ti rimane nel fare cose che abbiano un’utilità per te e per le persone che ti circondano».

PANDEV – «Nell’ultimo incontro gli ho detto: “Vuoi giocare l’Europeo? Bene, allora stai qui sino a quando vorrai». Pandev è uno dei giocatori più seri che io abbia mai incontrato. Gli sono molto legato. Da noi sta lasciando un segno indelebile».

PERIN – «Mattia è un portiere molto forte, di proprietà della Juve. Vedremo cosa farà il suo club, e se potremo permettercelo».