Connettiti con noi

Atalanta News

Gomez: «Scaricato dall’Atalanta, deluso dalla proprietà. E su Gasperini…»

Pubblicato

su

Gomez

Il Papu Gomez torna a parlare del suo rocambolesco addio all’Atalanta tramite l’intervista rilasciata al quotidiano La Nacion

Alejandro Gomez, vecchia conoscenza del calcio italiano, ha rilasciato un’intervista ai microfoni de La Nacion. Tanti i temi toccati tra cui, inevitabilmente, il suo addio all’Atalanta:

«Giocare di nuovo in Argentina non è un’opzione. E anche per viverci. Non mi attira. Non attira la mia attenzione, non mi piace l’ambiente, mi provoca stress. Non ho voglia di tornare indietro. La verità è che me ne sono andato molto tempo fa e mi sono abituato alla vita qui, in Europa. Sappiamo che l’Argentina è complicata e ho intenzione di continuare a vivere in pace. Per la mia famiglia, per i miei figli. Non dico mai, perché non sai cosa succede nella vita, forse domani voglio iniziare ad allenare, mi chiamano dall’Argentina e vado a lavorare lì. Ma la verità è che, dopo tanti anni, sono abituato a questo ritmo di vita».

Hai detto allenatore…?

«E’ un argomento che non mi è ancora molto chiaro. Da una parte amo la parte tecnica, l’analisi del gioco…, ma la parte che non amo è che devi seguire la stessa vita dei tuoi giorni da giocatore. O peggio. E non mi piace quella parte. C’è qualcosa che mi attrae, che è la parte calcistica, ma ancora non mi è molto chiaro, penso che oggi penso sempre da giocatore. Forse quando andrò in pensione mi farà venire voglia di dirigere, o forse no. Oggi non so cosa farò dopo aver giocato».

Maradona è presente a Siviglia?

«Il ricordo di Diego è molto presente nel club. Il nostro team manager, che si occupa di viaggi, logistica e tutto il resto, è Juan Martagón, che ha giocato qui con Diego. Ci racconta sempre storie, aneddoti…, qui vogliono molto bene agli argentini, ne siamo passati tanti, tantissimi attraverso la squadra. Ci rispettano, ci apprezzano. E il ricordo di Diego è ovunque; il negozio del club vende ancora la replica della maglia che indossò nella stagione 1992/93. Ci sono foto di lui al club e io adoro indossare la maglia che indossava Diego. Mi riempie di orgoglio».

Hai giocato 10 anni in Italia, con l’intervallo in Ucraina. Cosa ti propone la Spagna?

«In Spagna il calcio si gioca molto più velocemente, hai meno tempo per pensare. I campi sono sempre molto bagnati e la palla corre velocissima. In Italia invece gli avversari ti aspettano o ti seguono e questo ti dà i margini per gestire la palla più comodamente. In Spagna il gioco è più verticale e in Italia la proposta è più tattica e posizionale».

Messi non gioca più in Spagna. Questo aumenta l’illusione delle altre squadre di vincere?

«Il fatto che non ci sia Leo ci dà un po’ d’aria, no? Leo, al Barcellona, ​​ha fatto almeno 15/20 punti da solo. Con Leo sai di avere sempre la carta vincente. Quindi se gli altri compagni non stanno bene lui da un momento all’altro può accendersi e fare casino. Il Barcellona continuerà ad essere un top club, e ci sono anche Real Madrid e Atlético Madrid, ma se il numero 1 non c’è, il resto di noi avrà un po’ più di possibilità».

Sei rimasto sorpreso dal suo passaggio al PSG?

«Sì, certo, sono rimasto sorpreso come tutti gli altri. È stata una rivoluzione per il calcio, è stato qualcosa di storico che rimarrà per sempre. Ricorderemo tutti il ​​giorno in cui Leo andò a giocare per il Psg. Nessuno se lo aspettava, presumibilmente tutto era organizzato per continuare nel Barcellona e da un giorno all’altro si è ritrovato a dover andare a Parigi».

Sta andando in un campionato molto fisico. Risentirà del cambiamento?

«Si adatterà bene. Innanzitutto perché è a Parigi, che già prima del suo arrivo aveva una grande squadra. Secondo, perché Leo gioca bene e lo farà in qualsiasi campionato, non credo che il cambiamento gli costerà. Sì, stiamo parlando di un altro calcio, un campionato abbastanza fisico, ma non sarà un problema perché il Psg ha dominato a lungo il campionato, ogni tanto ne perde uno, ma in genere vince. La sfida sarà quella di trasferire quel primato in Champions League e, tra tante stelle e così grandi nomi, fare una squadra che faccia divertire in Europa».

E quella sarà una sfida solo per Pochettino?

«Da un lato deve essere fantastico essere l’allenatore di quella squadra, mentre dall’altro hai il doppio della pressione. La prima volta che non vinceranno sarà difficile gestire tutto questo. E gestire così tante stelle. La gestione del gruppo sarà fondamentale ma penso che Pochettino farà molto bene. Poi dovranno stare attenti all’equilibrio, perché a tutti noi piace giocare con cinque attaccanti e segnare 70 gol, ma se ti dedichi solo all’attacco e in difesa ti entrano da tutte le parti, non si passano bei momenti. Lì il tecnico interviene per trovare l’equilibrio, fondamentale per mettere insieme una buona squadra».

Alcuni anni fa, quando non eri ancora stato convocato in Nazionale, in un’intervista a LA NACION, hai detto: “Non mi sento inferiore a nessuno di quelli che ci sono. Sarebbe ora che mi dessero una possibilità…. finiscono per giocare sempre gli stessi”. Subito dopo, ti hanno convocato. Hai dovuto chiarire qualcosa con qualcuno?

«No, no, per niente. Non ho mai avuto problemi con nessuno. Sono molto spontaneo, molto frontale. Ogni allenatore si sente a suo agio con i giocatori che conosce. Ti faccio un esempio: Sabella conosceva José Sosa, che giocava con me al Metalist, ed è stato convocato in nazionale. Come mai? Perché aveva fiducia in lui, lo conosceva come persona e come giocatore. Io non sono stato così fortunato, Sabella non mi conosceva. Poi è arrivato un tecnico come Scaloni, che è stato mio compagno per un anno all’Atalanta, insieme a Sampaoli, e ha cominciato a parlare di me con Jorge. E quando Scaloni ha preso le redini, ha iniziato a chiamarmi perché sa chi sono e come posso contribuire. Forse negli anni precedenti Bauza, Maradona, Martino e Sabella hanno preferito convocare i giocatori che conoscevano. E non la vedo male».

Che tecnico è Scaloni?

«È molto pragmatico. E’ alle sue prime armi e sta andando molto bene. Si lascia aiutare, e questo è importante. Ha persone che si fidano l’una dell’altra al suo fianco, come Samuel, Ayala e Aimar. È un ragazzo che sa molto di calcio e ha preso la nazionale con un’idea molto chiara: non c’è tempo per inventare niente, non si possono fare cose strane. Quindi si tratta di essere il più semplice possibile».

E oggi come affronti i limiti?

«I limiti sono normali, uno è un giocatore e l’altro è un allenatore, e per quanto io lo conosca, o abbia avuto un po’ più di rapporti degli altri, ciò non significa che non gli importa se sbaglio. No, i limiti sono fissati naturalmente. Quando ha preso la nazionale ero molto felice perché so che tipo di persona è. Abbiamo vinto la Copa América insieme ed è stato incredibile. Gli ho detto, perché si doveva fidare di me: ho 33 anni, mi ha preso e mi ha dato la possibilità di giocare l’ho ringraziato».

Quale compagno ti ha sorpreso?

«Ci sono ragazzi con molto futuro. Molti sono rimasti sorpresi dal ‘Cuti’ Romero, ma io l’avevo come compagno nell’Atalanta e ai ragazzi dicevo sempre che c’era un ragazzo che era un fenomeno, un crack. Inoltre, mi piace Lisandro Martínez, è una debolezza che ho. E Emiliano Buendía, che non era in Coppa ma ha un futuro spettacolare. Ci sono tanti ragazzi che sarebbero potuti andare alle Olimpiadi e noi avremmo avuto una grande squadra. Ci sono ragazzi con molto carattere, a cui la maglia non pesa».

Non c’è riposo. I playoff sono in corso.

«Vincendo la Coppa, gli obiettivi non si abbasseranno. Non puoi, sei l’Argentina. Sarà intenso e ai club non credo piaccia molto. Ma il calendario che ha toccato è stato compresso con la pandemia. È quello che è, dovremo farci l’abitudine e la nostra idea è di vincere tutto il possibile per cercare di qualificarci il prima possibile al Mondiale. Per guadagnare serenità e continuare a crescere. La Copa America è finita, ora bisogna fare i punti per arrivare in Qatar e non passare un brutto momento come sulla strada per la Russia.

Messi è…? Completalo.

«Leo è il più normale e semplice di tutti noi. È logico che da fuori siano curiosi, ma ti posso assicurare che è il tipo e il compagno più comune che ci sia, è uno come un altro. Certo, porta il cognome Messi e molti crederanno che si comporti diversamente. No. Ora, occhio, è un leader assoluto, è un capitano con tutte le lettere. Perché mostra, perché dà l’esempio. Vogliono sempre paragonarlo a Diego, vogliono che urli e combatta, e Leo non è così. Ma se devi farlo in casa, fallo. Quello che succede Leo non lo porterà mai alla luce e non venderà fumo. Quando deve arrabbiarsi e deve dirti qualcosa, te lo dice tra quattro mura. Ha un’età diversa, e molto bella, di maturità totale, e forse sapendo che sono i suoi ultimi anni, è un Leone più aperto, che interagisce molto di più con tutti. E quella maturità è goduta dai più piccoli, e a tutti noi piace».

Potresti giocare per l’Italia, Antonio Conte e Giampiero Ventura ti amavano quando guidavano gli azzurri, ma in quel momento la FIFA lo impediva. L’Italia ha vinto l’Euro e l’Argentina ha interrotto la striscia nera…

«Le svolte che non si conoscono mai. Ad un certo punto, vista la mia età, ho pensato che non avrei più giocato nella nazionale argentina, che era ciò che desideravo di più. Anche quando ho lasciato l’Atalanta, ero molto consapevole che se non avessi avuto un club competitivo, la scelta della nazionale sarebbe caduta su altri. Se avessi scelto di andare in Arabia Saudita per guadagnare milioni, non avrei giocato per la nazionale. Potevo scomparire. E ci sono le decisioni nella vita: avrei potuto scegliere di fare tanti soldi, ma ho preferito non uscire dai radar e sognare la Copa América. Ho corso il rischio. Qualcosa poteva andare storto, ma è andata bene. E quelle scelte sono più confortanti di qualsiasi altra cosa nella vita».

Cosa ti ha detto Messi prima della finale?

«Cominciò a parlare e la verità è che non ricordo le parole giuste, perché subito stavo già piangendo. Ha detto qualcosa sugli sforzi, le famiglie… e le mie lacrime sono scese come quelle di un bambino… Stavamo tutti aspettando quella finale, i giorni e le ore prima non passavano, avevamo tutta l’adrenalina in corpo e Leo ha cominciato a parlare, anche Fideo…, e oggi non riesco a ricostruire quello che hanno detto, ricordo solo che non smettevo di piangere».

Ci racconti l’addio all’Atalanta?

«Ho dovuto lasciare il club. Mi aspettavo delle scuse dal tecnico che non sono mai arrivate. Mi sbagliavo su qualcosa, presumo, perché in una partita di Champions League contro una squadra danese, il Midtjylland, gli ho disobbedito su un’indicazione tattica. Mancavano dieci minuti alla fine del primo tempo e mi ha chiesto di giocare a destra, mentre io giocavo molto bene a sinistra. E ho detto di no. Immagina, dopo aver risposto che, nel bel mezzo della partita, oggi, con le telecamere…, era perfetto che si arrabbiasse. Lì sapevo già che all’intervallo mi avrebbe fatto fuori, ed è stato così. Ma nello spogliatoio dell’intervallo ha oltrepassato il limite, ha cercato di attaccarmi fisicamente».

Gasperini ti voleva picchiare?

«Sì. E lì ho detto basta. Si può litigare, ok, ma quando c’è un’aggressione fisica è già intollerabile. Allora ho chiesto un incontro con il presidente del club [Antonio Percassi] e gli ho detto che non avevo problemi a continuare, accettando di aver sbagliato: da capitano non mi ero comportato bene, ero stato di cattivo esempio disobbedendo all’allenatore. Ma ho detto al presidente che avevo bisogno delle scuse di Gasperini. E gli ho anche detto che avevo capito che il presidente non poteva accettare che l’allenatore avesse provato ad attaccare un giocatore. Bene. Il giorno dopo ci fu un’intera riunione al campo. Sono andato avanti e ho chiesto scusa all’allenatore e ai miei compagni di squadra per quello che era successo. E non ho ricevuto scuse dal tecnico. Quindi, come doveva essere inteso? Quello che avevo fatto era sbagliato e quello che aveva fatto lui era giusto? È lì che è iniziato tutto. Dopo qualche giorno ho detto al presidente che non volevo continuare a lavorare con Gasperini all’Atalanta. Il presidente mi ha detto che non mi avrebbe lasciato andare, che non mi avrebbe rilasciato. È iniziato il tira e molla e io ho pagato: sono stato separato dalla rosa e ho finito per allenarmi solo con le riserve».

Qual è stato il momento peggiore?

«Tutto. È stato brutto perché dopo 7 anni mi hanno scaricato, dopo tutto quello che ho dato al club. Si sono comportati male. Che il presidente non abbia avuto le palle per chiedere al tecnico di scusarsi semplicemente con me…, questo ha chiuso tutto. Entrambi siamo andati poi avanti. Ma erano molto cattivi con me. Perché non era tutto, visto che da allora mi hanno chiuso le porte del calcio italiano: non volevano darmi a nessuno dei grandi club d’Italia perché dicevano che avrebbero rinforzato un rivale diretto. Arrivavano offerte dall’Arabia e dagli Stati Uniti e volevano mandarmi lì, essendo il miglior centrocampista della Serie A. Si comportavano male. Grazie a Dio è apparso il Siviglia, perché tutto ciò che volevo era continuare a competere ad alto livello per poter essere in Copa América. Quella era la mia ossessione».

Quale atteggiamento ti ha ferito di più, quello di Gasperini o quello di Percassi?

«Chi più mi ha deluso è stata la proprietà, i proprietari del club. Dopo tanti anni, dopo il rapporto di fiducia che abbiamo avuto…, i miei figli sono andati a scuola con i loro figli, abbiamo condiviso tante cose… Che mi abbiano buttato via come mi hanno buttato è stata la parte che mi ha ferito di più. In seguito si possono avere divergenze con il tecnico, e ti direi che è quasi normale, perché succede, certo che succede. Puoi litigare, come in ogni lavoro. Ma il trattamento che ho ricevuto dalla proprietà ha fatto molto male».

Perché pensi che il club si sia comportato così?

«Penso che fosse una questione economica. Sanno che Gasperini è uno dei migliori allenatori d’Europa, sanno che il suo lavoro aggiunge valore alla rosa e fa vendere giocatori. Era un problema economico, ed è chiaro. Hanno preferito continuare con lui perché sanno che fa fare un sacco di soldi al club. Hanno preferito quello».

Con la gente negli stadi, come avrebbero reagito i tifosi dell’Atalanta?

«La gente non sa cosa sia successo. Lo sto raccontando solo ora. Le persone ora sapranno la verità, e se la meritano e io me la merito. Da un giorno all’altro sono sparito. I giornalisti hanno smesso di chiedere di me all’Atalanta, né hanno chiesto ai miei ex compagni di squadra… è come se avessi smesso di esistere per l’Atalanta. Penso che la loro intenzione fosse quella di dare tutta la colpa a me. E la verità non è questa. E la gente, forse, è arrabbiata con me perché pensa che non volevo continuare lì, o pensa che preferivo andare a Siviglia per più soldi… Niente di tutto questo. Era ora che i tifosi sapessero la verità».