Connettiti con noi

Inter News

Inter, Fortress vuole il finanziamento: possibile intreccio con il fondo Pif

Pubblicato

su

Zhang

Il fondo americano Fortress starebbe spingendo per finalizzare un accordo con Suning per la cessione dell’Inter: i dettagli

Secondo il “Sole 24Ore”, il fondo americano Fortress sta spingendo per finalizzare, entro la fine di marzo, un accordo con Suning, che garantirebbe all’Inter una forma di finanziamento per circa 250 milioni di euro, da versare in due tranche: una immediata da 150 milioni e una successiva da altri 100. La formula sarebbe quella del “preferred equity”, vale a dire che poi quel denaro verrebbe utilizzato per un aumento di capitale, ma poi, in caso di cessione di quote, Fortress diventerebbe il creditore prioritario a dover essere pagato.

PER TUTTE LE NOTIZIE SUI NERAZZURRI SEGUITECI SU INTERNEWS24

Lo scenario, comunque, resta assai complesso. Il Corriere dello Sport prova a fare ordine: Partendo proprio da Fortress, si scopre che è controllato da Softbank, ovvero un conglomerato di holding che ha il proprio quartier generale a Tokyo. Oltre al 100% del fondo americano, possiede quote di diverse compagnie tecnologiche, energetiche e finanziarie e gestisce in proprio un altro fondo, Vision Fund, con un capitale superiore ai 100 miliardi di dollari.

Ad ogni modo, tra quei pacchetti azionari è compreso anche il 25% di Alibaba Group. Ebbene, recentemente si è scoperto che Taobao, una controllata di Alibaba, in cambio di un prestito di circa 130 milioni di euro, ha ottenuto in pegno il 100% di Suning Holdings Group, ovvero il “contenitore” della famiglia Zhang in cui c’è anche l’Inter. Non finisce qui, però, perché uno dei membri del CdA di Softbank non è altri che Yasir Al-Rumayyan, ossia il governatore di Pif, il fondo pubblico sovrano dell’Arabia Saudita, anch’esso in trattativa per acquistare l’Inter, o almeno una quota.

Advertisement