Italia, parla Immobile: «Svezia? Macchia più brutta della carriera»

© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di Ciro Immobile: la mancata qualificazione ai Mondiali fa ancora male

Ciro Immobile era uno dei giocatori in campo nella notte di Italia-Svezia a San Siro coincisa con la mancata qualificazione dell’Italia ai Mondiali. Adesso l’attaccante della Lazio è uno dei giocatori chiamati a risollevare la Nazionale. Intervistato da Rai Sport, Immobile ha detto: «La mancata qualificazione contro la Svezia? Abbiamo ancora purtroppo ricordi negativi e dispiace tanto, a noi in primis, per quello che è successo, e credo che ce ne renderemo conto ancora di più quando inizierà il Mondiale e non si vedrà l’Italia in campo. E’ la macchia brutta della nostra carriera, soprattutto per noi che abbiamo fatto il Mondiale in Brasile e non era andato benissimo. Poteva essere un’occasione di riscatto giusta per noi pero’ come si sta dicendo in questi giorni è giusto andare avanti, ci sono tanti giovani, l’Italia è una grande nazione e ci riprenderemo sicuramente».

Immobile è tornato alla mente a quella partita: «Il calcio è strano perché ci sono degli episodi ed in entrambe le partite la palla mezza e mezza non è mai capitata nel punto giusto, al momento giusto. Non so se questo fa parte del destino. Dovevamo fare sicuramente qualcosa in più, anche l’occasione che ho avuto io mi è stata salvata sulla linea di porta ed in altre occasioni sarebbe entrata in porta. Non siamo riusciti a fare gol in entrambe le partite e questo è il rammarico più grande». Immobile ha parlato anche dell’ex commissario tecnico: «Ventura? Non l’ho più risentito».