Juventus, Del Piero: “Villar Perosa, luogo di sogni”

© foto www.imagephotoagency.it

Presente oggi a Villar Perosa per l’amichevole di rito contro la Primavera, Alessandro Del Piero, idolo e simbolo della Juventus, ha rilasciato alcune dichiarazioni prima della gara che vengono riportate dal suo sito ufficiale:

Villar Perosa è la casa della famiglia Agnelli. Dunque la casa della Juventus. La casa dell’estate, quella dove si scoprono i volti nuovi ma anche gli amici di sempre. Quella dove tutti i sogni sono possibili. Sono stato decine di volte a Villar Perosa, e non solo ad agosto. Una volta quella era la sede dei ritiri della Juventus per tutti i pre partita e la visita a casa dell’Avvocato, prima di pranzo, era d’abitudine. Ricordo ancora un suo discorso prima di uno Juventus-Parma, campionato “?93/’94. Poche ore dopo segnai la mia prima tripletta in serie A con la maglia della Juventus. Anche quella stagione era stata battezzata dalla solita partita “Juve A-Juve B”, o meglio Prima Squadra contro Primavera. Se non ricordo male “? sapete, da allora è passato qualche anno”¦ – allora giocai con la Primavera e l’Avvocato non riuscì ad arrivare al campo con il suo elicottero a causa delle perturbazioni in quota. Era il 22 agosto 1993, la Juventus A vinse sei a uno con gol di Vialli, Moeller, Conte (oggi fa un altro lavoro”¦), Carrera, Ravanelli e un’autorete. Da allora ne ho vissute tante di partite così, ma in fondo il ricordo che mi rimane è sempre lo stesso, che si confonde e si perde negli anni, rimanendo tuttavia nitido nella sostanza: un mare di bandiere bianconere, di gente accaldata che sventola una sciarpa e i foglietti con la penna per gli autografi, di bambini per mano ai genitori e ai nonni sulla strada che porta al campo, e poi sulle spalle o in braccio, sollevati sopra una transenna, per vedere passare i giocatori della Juventus. Ho pensato spesso che da bambino ero uno di loro. Da grande mi è capitato di stare dall’altra parte. Un privilegio. Sarò felice di essere lì anche oggi, perchè lì c’è un pezzo della nostra storia, e dunque anche del nostro futuro.

Ps. Dopo quella partita a Villar Perosa nel ’93, il mister Trapattoni disse ai giornalisti un po’ critici sulla prestazione di alcuni “nuovi”: “Questi ragazzi che vengono dalla provincia devono avere tempo per familiarizzare, lavoreranno con noi e sono convinto faranno bene”. Mi sa che aveva ragione il Trap”¦ “.