Kean, fattore K: Moise può restare alla Juve ma a una sola condizione

moise kean
© foto www.imagephotoagency.it

L’attaccante ha ben figurato nella sfida tra Juventus e PSG. Moise Kean potrebbe rimanere alla Juve: le ultimissime

La Juventus ha battuto il PSG nel match di International Champions Cup. Tre gli elementi sugli scudi nella ripresa: il portiere Pinsoglio, il centrocampista Claudio Marchisio, autore di una doppietta, e l’attaccante Moise Kean. Il giovane calciatore ha sfornato l’assist per il momentaneo 2-1 e si è procurato il rigore poi trasformato dal Principino per il 3-2 definitivo. L’attaccante classe 2000 ha preso il posto di Higuain e ha giocato da punta centrale. Il giocatore ha interpretato molto bene il ruolo, sacrificandosi e mettendosi in mostra con la sua classe. Il ragazzo potrebbe partire in prestito (il Verona e i club olandesi sono in pressing) ma potrebbe restare. Tutto dipenderà da un altro fattore K, Keita. Se la Juve dovesse acquistare l’attaccante della Lazio, potrebbe concedere il prestito a Moise perché Keita potrebbe agire da vice-Higuain. La Juventus ha già pre­so Bernardeschi e Douglas Co­sta in attacco, se arrivasse an­che Keita ci sarebbe ancora me­no spazio per lui. Il futuro di Kean dipende da Keita.