Lazio-Atalanta, Inzaghi: «Champions League, ci sarà da lottare»

simone inzaghi lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Mezzo passo falso per la Lazio di Simone Inzaghi nella corsa alla qualificazione in Champions League: 1-1 con l’Atalanta, ecco le parole del tecnico biancoceleste

Lazio-Atalanta è terminata 1-1, si riapre la corsa alla qualificazione in Champions League. Inter a -2, con lo scontro diretto dell’Olimpico nell’ultimo turno che risulterà decisivo. Intervenuto nel post-partita ai microfoni di Premium Sport, il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi ha analizzato così il pari contro la Dea: «Avremmo voluto vincere ma abbiamo incontrato un ottimo avversario che meritava la vittoria. Abbiamo approcciato male rispetto alle ultime volte. L’Atalanta è stata brava, ai punti avrebbe meritato qualcosa più di noi. Ci prendiamo questo pareggio, alla viglia del campionato sarebbe stato un sogno finire la stagione con questa classifica. Ci sarà da lottare ancora, fino alla fine», riporta Lazionews24.com.

Continua Simone Inzaghi, parlando della situazione infortunati: «Gli infortuni? È normale che non sono contento, però devo dire che quelli che hanno giocato al loro posto hanno fatto bene. Luis Alberto è un giocatore fondamentale. Vedremo se riusciremo a recuperarlo per Crotone. È normale che ogni squadra che rinuncia al proprio bomber è penalizzata. In questi anni non abbiamo mai rinunciato a Ciro. Caicedo si è fatto trovare pronto, ha fatto una buona partita. Tutti quelli impiegati hanno dato il loro meglio Questi ragazzi vanno ringraziati per quello che stanno facendo. A questo punto dobbiamo mettercela tutta». Infine, una battuta su Strakosha e sul suo futuro: «Strakosha? È un ragazzo che lavora tantissimo, penso che nell’arco di questo anno e mezzo è cresciuto tantissimo. Fare il portiere nella Lazio non è semplice. Voci di mercato? Devo essere sincero, io penso solo a questo finale di stagione. Ho già detto e ribadito che qui sto bene. Spero di rimanerci a lungo. L’unica cosa che conta è arrivare in Champions, tutto dipende da noi».