Connettiti con noi

Hanno Detto

Lazio Juve, Di Canio: «Biancocelesti favoriti, Sarri un animale da campo»

Pubblicato

su

Di Canio

L’ex biancoceleste Paolo Di Canio ha parlato in vista di Lazio-Juve

Paolo Di Canio, ex storico attaccante della Lazio, in una intervista al Corriere dello Sport ha parlato in vista del match tra i biancocelesti e la Juventus.

MATCH – «Sarà Allegri contro Sarri: i bianconeri cercheranno il proprio passato, la Lazio il proprio futuro. Entrambe cercano qualcosa: Allegri la squadra compatta del passato, perché quella di oggi è più fragile, Sarri invece ha bisogno di giocare velocemente tra le linee. È questo il suo gioco: combinazioni velocissime per colpire in verticale. Per questo ha dovuto tenere fuori Luis Alberto: è un giocatore fantastico, ma non poteva rinunciare alla velocità del gioco. Domani sarà una gara con troppe incognite dopo la sosta e con gli infortuni. Sulla carta sta meglio la Lazio, che sa aspettare e partire».

SU SARRI E MOURINHO – «Sarri una volta mi ha detto: ‘Lo sai che io godo quando vedo in partita le cose che studiamo in allenamento’. Ama controllare le gare e, finora, alla Lazio gli è riuscito solo con le piccole, ma è già qualcosa. Sarri è un animale da campo, non può stare troppo lontano dal suo mondo. È un drogato di calcio, come me. L’audio su Mourinho? Erano battute tra amici, ma il personaggio mi ha sempre affascinato. Nelle ultime tre gare con Bodo e Venezia ha preso 11 goal, perdendo due volte e pareggiando una. Contando questo, se al Tottenham o al Chelsea avesse detto un decimo di quanto ha detto a Roma sarebbe saltato il giorno dopo. Insistere sulla debolezza sull’organico è un problema anche per lo spogliatoio. Ma quattro vittorie e si azzera tutto».

LEGGI L’INTERVISTA INTEGRALE SU LAZIO NEWS 24