Lazio, Reja: “Lavoriamo per essere pronti in Europa League”

© foto www.imagephotoagency.it

Al termine della seduta di allenamento svolta a Formello, Edy Reja ha espresso le sue sensazioni ai microfoni di Sky Sport 24.
Il tecnico della Lazio ha parlato anche delle sue speranze in vista del sorteggio dell’ultimo turno preliminare di Europa League: “Stiamo lavorando, portiamo avanti un progetto dal punto di vista fisico – ha dichiarato Reja – . E’ chiaro che non siamo ancora al 100%, ma stiamo lavorando per arrivare all’esordio in Europa League nelle migliori condizioni possibili. I primi 15 giorni erano volti alla parte fisico-atletica, ora stiamo lavorando dal punto di vista tattico senza tralasciare la parte atletica. Il modulo e la posizione di Cissè? Lui è abituato a giocare a destra o a sinistra, anche se in Grecia giocava da punta centrale: abbiamo già  altre punte centrali come Floccari, Rocchi, Klose e Kozak, pertanto con la sua velocità  può fare la differenza giocando un pò più largo. E’ chiaro che dovrà  abituarsi al nostro tipo di calcio, soprattutto nella fase difensiva, e ai ritmi un pò più elevati. La cessione di alcuni giocatori? Abbiamo 32/33 giocatori in rosa, compresi i portieri, quindi altri giocatori dovranno andare via per trovare spazio: non sono giocatori scarsi, visto che alcuni di loro hanno fatto parte della rosa dell’anno scorso, ma vedremo se entro il 31 agosto si sbloccherà  qualcosa in tal senso. Kozak? Lui ha fatto gli Europei Under 21 ed è arrivato dopo in ritiro, si sta preparando ed è quasi pronto. Se ci sarà  un’opportunità  la terremo in considerazione, ma noi vogliamo tenerlo. Ci sono giocatori più pronti di lui e che troveranno più spazio per il momento, ma la nostra intenzione è quella di tenerlo con noi. Cana e Ledesma sono giocatori simili e che si completano, possono ricoprire entrambi i ruoli della mediana. Cana è un mediano, che può giocare davanti alla difesa in una linea a 2 o a 3, può giocare anche da mezz’ala, ma dipende tutto dalle gare che giocheremo. Arrivare in Champions League? L’obiettivo della società  è quello di acquistare giocatori ambiziosi per raggiungere dei risultati, ma la parola definitiva spetta al campo: i valori ci sono, le responsabilità  anche, pertanto ce la metteremo tutta per fare meglio della scorsa stagione. Critiche nel gioco? Io non ho espresso le mie idee sulle formazioni che ho adottato: ho 30 giocatori, ho provato a dare spazio a tutti schierando delle formazioni che dessero ai ragazzi la possibilità  di giocare. Sotto questo punto di vista, ho voluto mettere in piedi, ma non so se saranno quelle che adotterò durante la stagione, perchè prima ho bisogno di vedere quale squadra mandare in campo in Europa League. Mercato? Abbiamo completato tutte le operazioni, le finestre restano comunque aperte, dipende tutto da quali giocatori andranno via. Non ci saranno operazioni in entrata, a meno che non avverranno delle operazioni in uscita. Zarate? Non so se andrà  via, non posso dirlo: abbiamo acquistato Cissè e Klose, Mauro può giocare anche più esterno e se dovessero rimanere lui e Floccari avrò l’imbarazzo della scelta. Parolo? Lo stavamo trattando assieme ad altri, attualmente non possiamo fare altre operazioni a meno che non andrà  via qualcuno.”