Connettiti con noi

Sassuolo News

Sassuolo, Locatelli ammette: «Non so se sarà il mio ultimo anno qui»

Pubblicato

su

Manuel Locatelli, centrocampista del Sassuolo, ha parlato del suo futuro in neroverde: ecco le sue dichiarazioni in merito ad un probabile addio

Manuel Locatelli è stato intervistato dai canali ufficiali del Sassuolo nel corso del format “Nero & Verde”. Le dichiarazioni riprese da Sassuolonews.net.

DE ZERBI «Ha avuto un ruolo fondamentale per me, mi ha cambiato, mi ha fatto giocare, ma mi ha anche dato delle delusioni, abbiamo litigato, ma ha sempre creduto in me. Mi sempre dato l’idea di avere fiducia e mi ha voluto lui, per me è stato fondamentale».

CRESCITA «Il mister ha fatto tanto. Ma anche io mi sono guardato allo specchio quando giocavo e non giocavo. Poi Peluso e Magnanelli, li stimo, sono stati un esempio. Devo anche nominare Matri perché mi ha aiutato quando era qui, poi Consigli e Berardi. Si è creata questa grande coesione nel gruppo».

CONVOCAZIONE IN NAZIONALE «Ero sul divano con la mia ragazza e insieme ad altri amici. Non appena ho letto della convocazione non ho trattenuto le lacrime. È stata una liberazione, una cosa che sognavo fin da bambino. Avevo fatto un bel campionato ma ho imparato a non dare nulla per scontato, era una cosa che sognavo veramente tanto, mi dicevano che la meritavo ma aspettavo l’ufficialità e quindi sono scoppiato a piangere».

FUTURO – «L’esperienza al Milan è stata fantastica e quello che è ho trovato qui è una realtà bellissima. Non so se sarà il mio ultimo anno al Sassuolo, vedremo cosa succederà in futuro. Sogno di disputare un bell’Europeo e magari di vincerlo e poi di essere importante per questa squadra».