Le pagelle: Milan-Fiorentina

© foto www.imagephotoagency.it

Convince Montolivo regista davanti alla difesa. Tra i gigliati deludono un po’ tutti. A cominciare dallo spettrale Kalinic…

Finita da pochi minuti Milan-Fiorentina col risultato “all’inglese” di 2-0 per i padroni di casa (Bacca al 4′ e un ritrovato Boateng a pochi minuti dal novantesimo). La partita, valida per la ventesima giornata del campionato di serie A TIM 2015/2016, è stata un’enorme prova di carattere per la squadra del sempre pericolante Sinisa Mihajlovic che, nello spazio di un solo match, si è ripreso la sua panchina e con ogni probabilità se la terrà stretta da qui fino a giugno.

«Il mio Milan c’è sempre stato – ha preferito specificare il tecnico serbo in sala stampa – stasera come due mesi fa, la settimana scorsa come a settembre o a ottobre. L’impegno di questi ragazzi non è mai venuto meno e ogni tanto le cose devono andar bene anche per noi. Come è successo stasera dove nessuno potrà negare i nostri assoluti meriti.». Parole forti e ben calibrate, quelle di Miha, che denotano quanto la compagine rossonera voglia fare blocco attorno al suo allenatore in attesa di un futuro prossimo che adesso presenterà Empoli in trasferta e soprattutto il derby meneghino del prossimo 31 gennaio. «Ma non voglio fare tabelle – aggiunge Sinisa – perché la sfida con l’Inter è davvero dietro l’angolo e, a livello di risultati, non dipenderà solo da noi. La mia filosofia resta quella dello step by step, di un passo alla volta.».

Così come è stata la grande serata di un Diavolo forse sulla via della completa guarigione (32 punti in classifica), preoccupa non poco invece il black out di una Viola scesa a San Siro senza attributi e soprattutto priva di idee. Prendetela come la lontanissima parente del team che bistrattò sia rossoneri che nerazzurri in quella rovente fine estate di appena qualche mese fa. A meno 6 dal Napoli capolista, forse per la “creatura” dei fratelli Della Valle si prospetta un altro campionato senza arte nè parte. Sospesa tra un preliminare di Champions e l’ennesima qualificazione all’Europa League. Passiamo ora alle nostre pagelle a caldo…  

MILAN: Donnarumma 6, Abate 6, Alex 6,5, Romagnoli 6,5, Antonelli 6, Honda 6,5, Montolivo 7 (70′ Kucka 6) , Bertolacci 6, Bonaventura 6,5, Bacca 6,5 (87′ Balotelli 6), Niang 6 (79′ Boateng 6,5).

FIORENTINA: Tatarusanu 5,5; Tomovic 5,5, Astori 5, Roncaglia 5, Bernardeschi 6, Mario Suarez 4,5 (67′ Rossi 5), Vecino 5, M.Alonso 5 (76′ Pasqual SV), Ilicic 5,5 (83′ Babacar SV), Borja Valero 5,5, Kalinic 4,5.

MILAN – IL MIGLIORE
Riccardo Montolivo 7 –
Il ruolo che gli crea mister Mihajlovic davanti alla difesa, un po’ alla De Rossi della situazione, esalta non poco l’ex viola di turno. Che stasera, tra passaggi col righello e palle recuperate, non ne sbaglia praticamente una meritandosi gli applausi sinceri di un San Siro che, al momento della sua sostituzione al 70esimo, finalmente parteggia per il suo capitano ritrovato. Ci voleva, eccome se ci voleva (esattamente come la capriola vincente del Boa)…  

MILAN – IL PEGGIORE
Nessuno –
Poco da eccepire: team bello compatto e motivato, il Diavolo odierno, in cui tutti interpretano il proprio ruolo nella maniera più efficace. Forse un po’ fumoso Bertolacci e leggermente imprecisi i due esterni di difesa Abate e Antonelli, ma nel complesso una vittoria stra-meritata per questo “new” Milan. Come ribadirà, a ragione, lo stesso tecnico serbo.

FIORENTINA – IL MIGLIORE
Nessuno –
Aiutateci voi, devoti lettori di CalcioNews24, perché qua brancoliamo nel buio. Ci verrebbe da dire Bernardeschi per averci creduto in più di un’occasione, ma il letargo fiorentino visto in campo stasera – sintomo di una pericolosa involuzione invernale o semplicemente di una panchina corta – ci impedisce di trovare un giocatore gigliato che vada al di sopra di una netta sufficienza. Tabula rasa.

FIORENTINA – IL PEGGIORE
Nikola Kalinic 4,5/ Mario Suarez 4,5 – 
Se non fosse per l’ammonizione stupida che si piglia al 45′ (tocco di mano vistoso manco fosse Maradona…), del guerriero croato che proprio da queste parti, qualche mese fa, demolì l’lnter non resta che l’ombra. Congelato e impotente, Niko subisce la notte di San Siro più la verve tignosa dell’equipe rossonera. E al tirare delle somme non combina nulla di nulla. Stesso dicasi per Mario Suarez con lo spagnolo semplicemente inguardabile.  

Marcatori: 4′ Bacca, 88′ Boateng.

Ammoniti: 31′ Mario Suarez, 45′ Kalinic, 59′ Vecino, 67′ Tomovic, 68′ Bacca, 73′ Bertolacci.

Espulsi: nessuno.

Arbitro: Doveri di Roma.

MILAN (4-4-2): Donnarumma; Abate, Alex, Romagnoli, Antonelli; Honda, Montolivo (70′ Kucka), Bertolacci, Bonaventura; Bacca (87′ Balotelli), Niang (79′ Boateng). All.: S. Mihajlovic.

FIORENTINA (3-4-2-1): Tatarusanu; Tomovic, Astori, Roncaglia; Bernardeschi, Mario Suarez (67′ Rossi), Vecino, M.Alonso (76′ Pasqual); Ilicic (83′ Babacar), Borja Valero; KalinicAll.: P. Sousa.