Il Milan cerca nuovi soci: Fininvest dice no. Si muove l’ex Eni Roberto Poli

yonghong li milan
© foto Youtube

Il futuro del Milan è in bilico. Il club rossonero cerca nuovi soci. Per cercare una soluzione adesso si muove Roberto Poli, ex presidente Eni

Seconda rivoluzione in casa Milan nel giro di 7 mesi? E’ questo lo scenario paventato da “Repubblica“. Yonghong Lì continua a richiedere prestiti e finanziamenti per saldare il debito da 383 milioni, interessi compresi, con il Fondo Elliott (scadenza ottobre 2018) e negli ambienti finanziari si vocifera di un possibile ingresso di nuovi soci. Si sta muovendo Roberto Poli, presidente Eni dal 2002 al 2011, attuale membro del CdA di Fininvest. In casa rossonera, più del deficit da 32 milioni del primo semestre preoccupano le perdite a lungo raggio dovute alla dispendiosa campagna acquisti: il rosso previsto in bilancio è di 140-160 milioni, cifra da sommare a quella da restituire a Elliott.

Il futuro dei rossoneri è ancora denso di misteri. Di sicuro Yonghong Lì non si aspettava di finire sulle pagine del New York Times che ha dedicato una lunga inchiesta al patron rossonero, ponendo dei dubbi sulle proprietà del numero uno cinese. Poli, insieme a Scaroni, già amministratore delegato di Enel ed Eni tra il 2002 e il 2014, attualmente membro di vari CdA tra cui quello del nuovo Milan di proprietà cinese, stanno lavorando per trovare una soluzione. Ci sarebbero stati dei sondaggi con Fininvest per un clamoroso ritorno ma è arrivato un rifiuto.