Milan, Pioli difende i giocatori col telefonino: «Ripassavano sull’app»

Pioli Milan
© foto www.imagephotoagency.it

Milan, Pioli difende i giocatori immortalati al telefonino nello spogliatoio prima del match col Napoli: «Ripassavano sulla nostra app»

Biglia, Kessie e Rebic – nelle ultime ore – erano finiti nell’occhi del ciclone. Colpa di una foto nello spogliatoio di San Siro, che li ha immortalati intenti a fissare il propio smartphone a pochi minuti dal fischio d’inizio della partita del Milan con il Napoli.

A difenderli, però, è stato lo stesso Pioli, che in rossonero sta replicando l’esperienza già fatta alla Fiorentina con un app per consultare i video di preparazione alla partita. «L’utilizzo del telefonino in spogliatoio è consentito per l’ascolto della musica, perché ogni giocatore ha le sue playlist per caricarsi e allo stesso tempo rilassarsi. Ma, soprattutto, è consentito per consultare l’app che aggiorniamo continuamente con i video degli avversari che dovremo affrontare. Per i giocatori è uno strumento utile, possono rivedersi movimenti e fasi di gioco», la spiegazione di Pioli.