Milan, Tassotti: “Provero` a scusarmi con Luis Enrique”

© foto www.imagephotoagency.it

Mauro Tassotti e Luis Enrique si incontreranno nuovamente, stavolta come avversari si` in campo, ma nell’area tecnica e non tra i 22 protagonisti della sfida tra Milan e Roma che domani sera andra` in scena all’Olimpico. L’allenatore in seconda del Milan, che nei Mondiali del ’94 ruppe il naso all’ex centrocampista iberico con una gomitata che venne poi incriminata dalla stampa e con una conseguente squalifica di 8 giornate comminate all’italiano. Da allora, Tassotti ed Enrique non si sono piu` parlati, ed il tecnico rossonero ammette di aver fatto una “stupidata” che ha macchiato la sua carriera e sanci` la fine della sua esperienza in azzurro. Intervistato da “Il Corriere della Sera”, in vista dell’incontro di domani, Tassotti spiega: “Ho cercato di chiarirmi con lui quella volta a Washington (in occasione di un’amichevole tra Milan e Barcellona, ndr), non ricordo che anno fosse, ma era arrabbiato e alla fine non ce n’eÃ?Â? stata la possibilitaÃ?Â?. Io lo capisco, eÃ?Â? nel suo diritto non accettare le mie scuse. Se lo incontro all’Olimpico? Se mi capiteraÃ?Â? di incrociarlo, volentieri. Io sono disponibile a fare la pace, a chiedergli scusa. Sono sempre stato disponibile. PeroÃ?Â? posso comprendere che lui possa rifiutare la mia stretta di mano. Anche ora. Quello in torto sono io”.

Parlando invece del suo rapporto col Milan e la sua vita da “secondo”, Tassotti risponde: “Con l’eccezione dei primissimi anni della mia carriera nel settore giovanile della Lazio, non mi sono mai allontanato dal Milan. Sono sempre rimasto qui, non ho mai cambiato squadra. Ormai sono legatissimo a questo ambiente, a questi colori, alla cittaÃ?Â?. Sono a Milano da 31 anni, non mi va di cambiare”.