Connettiti con noi

Calcio Estero

Milik rivela: «A Napoli sono stato emarginato. Juve? Il mio sogno…»

Pubblicato

su

Milik

Arek Milik parla del suo presente al Marsiglia, del suo passato al Napoli e del suo futuro: ecco le dichiarazioni del centravanti polacco

Arek Milik, in un’intervista a L’Equipe, ha parlato del suo passato turbolento al Napoli. Milik si lascia andare a qualche considerazione sul futuro.

ADDIO NAPOLI – «A Napoli mi trovavo in una situazione strana. L’estate scorsa, la società mi disse: ‘O rinnovi o te ne vai’. Io volevo andare via per scoprire altro. Purtroppo in estate le cose non sono andate come volevo, la pandemia ha creato difficoltà. A gennaio ho ricevuto la proposta del Marsiglia, il club che mi ha voluto di più: ho pensato che potesse essere un’ottima occasione. Aspettare fino all’estate 2021 sarebbe stato troppo forse, anche se probabilmente avrei potuto scegliere una società più grande. Ma stare fermo un anno sarebbe stato troppo. Ero frustrato e stavo male perché altri giocatori in scadenza come me, che hanno rifiutato di rinnovare, giocavano lo stesso. A Napoli sono stato emarginato, io pensavo a concentrarmi sul mio futuro».

JUVE «Ho dei sogni e ambisco a giocare nelle migliori squadre del mondo, l’obiettivo è questo. La strada per riuscire nel mio intento è dare il massimo ogni giorno per cercare di migliorarmi. Nel calcio due mesi sono molti e due anni sono enormi. Ho cominciato dieci anni fa, ora ne ho 27: posso dire di essere un calciatore diverso rispetto ad allora».

Advertisement