Napoli, De Laurentiis: “Scudetto? Con Berlusconi non si compete…”

© foto www.imagephotoagency.it

Il patron del Napoli, Aurelio De Laurentiis, ha rilasciato alcune dichiarazioni dopo il successo per 3-0 contro la Juventus. Questo il punto fatto dal numero uno azzurro ai microfoni di Sky Sport: “Ci adeguiamo alle norme del fari play, il giorno che venisse rimossa questa norma, possiamo dare delle accelerate in altre direzioni. Facendo una media, se dovessimo chiudere a 72 punti, essendo ora a 36, saremmo in Champions, ed allora sì che possiamo dare un’accelerata al tutto. I discorsi su chi si acquista sul mercato servono ai giornalisti per fare teatrino ed interesse per movimentare l’audience, a noi significa stare attenti a quelle che sono le strategie di un gruppo, che deve andare avanti secondo quelle che sono le norme vigenti. Non ho inserito io la regola del fair play finanziario, l’ha inserita Platini. Io, adeguandomi, mi sono adeguato bene. Io devo difendere anche i tifosi, che ringrazio, di venire allo stadio numerosi ed essere il dodicesimo uomo in campo. Il Napoli sono quattro volte che batte a Napoli la Juventus, quindi, questo Napoli ci crede, e fa le cose concentrandosi, e credendoci, dalla preparazione d’estate, al ritiro… Se credo allo scudetto? Assolutamente no… lo scudetto vuole Berlusconi, e farà  di tutto per portarlo a casa (sorride, ndr)… un pareggio con gol in fuorigioco la dice lunga e, finchè io rientro nelle regole del calcio, c’è poco che posso fare, con Berlusconi non si può competere”.