Napoli, Sarri: «La Juventus è come il Bayern: noi siamo la sorpresa»

sarri napoli
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di Maurizio Sarri dopo la vittoria del suo Napoli contro il Benevento

Maurizio Sarri, ai microfoni di Premium Sport, nel post-partita di Benevento-Napoli è tornato a parlare del duello calcistico con la Juventus che sta appassionando tutta Italia. Il tecnico azzurro ha tracciato un confronto con la Bundesliga, dove il Bayern Monaco è solito dominare su tutte le altre: «Non si scopre oggi che la Juve sia una squadra fortissima. In questo momento l’Italia ha caratteristiche simile al campionato tedesco: ci sono tre-quattro squadre buone dietro una fortissima. Noi lo stiamo tenendo aperto, in Germania non lo è. Il fatto sorprendente è che ci siamo noi, non la Juve. La squadra ha tanti stimoli: ha fatto 60 punti in 23 partite. Una media punti impressionante. Chiaro che la Juve viaggia con la nostra media ma sono più abituati. Ormai sono insieme ai miei da 130-140 partite».

Sarri ha poi dribblato la questione rinnovo di contratto, lasciando intendere che per il momento la sua priorità è la corsa Scudetto: «In questo momento voglio tenere la testa su altre cose. Penso che tra me e Aurelio (De Laurentiis, ndr) ci sia bisogno di pochi incontri. Non saprei dirvi né delle parole del presidente, nemmeno quelle di Marotta. Se devo essere sincero non me ne frega niente, e noi le pressioni non ne dobbiamo avere. Per voi a luglio il campionato quest’anno era tra Juve e Milan. Stiamo facendo di più rispetto alle previsioni, quindi pressioni zero. L’unica rottura della giornata è che ci piacerebbe giocare meglio rispetto al secondo tempo di oggi».

Infine una battuta sull’infortunio di Mertens, che in un primo momento era sembrato molto male: «Valutiamo domani, su un colpo ha avuto una leggera distorsione. Non sembra grave e non sono preoccupato. Ho la fortuna di lavorare con un fuoriclasse di ds e tutto quello che sceglie lui mi va benissimo».