Oddo incredulo: «Il gol annullato? Non capisco, alzo le mani»

oddo
© foto www.imagephotoagency.it

Il commento del tecnico friulano sulla partita persa contro il Torino, viziata da un gol regolare annullato ai bianconeri

Massimo Oddo è ancora incredulo per la partita contro il Torino. L’Udinese aveva trovato il vantaggio a metà primo tempo ma dopo un lungo consulto con il Var, l’arbitro Abisso ha annullato la rete del vantaggio per sospetto fuorigioco. Oddo commenta così ai microfoni di Sky«É stata una partita equilibrata, sicuramente il Toro non ci ha schiantati. Siamo partiti molto bene, poi ci hanno annullato un gol ingiustamente. Su questo io alzo le mani: non ho capito il motivo della scelta degli arbitri. Loro hanno sfruttato una palla inattiva, poi nella ripresa non è che ho visto grandi occasioni per il Torino. Dalla panchina mi è sembrata una gara estremamente equilibrata. Gli episodi hanno deciso tutto». Sul gol annullato a Barak, il tecnico bianconero la pensa così: «Il fallo mi sembra proprio inesistente. Maxi Lopez era fermo. L’arbitro ha detto di aver fischiato fuorigioco, ma la palla va da un’altra parte. E’ un fuorigioco ininfluente. Alzo le mani, proprio non ho capito. E nell’azione che ha portato al primo gol del Torino, c’era un fallo palese di Belotti. Episodio che non stigmatizzo più di tanto, ma mi lascia interdetto l’annullamento del gol».

Sul possibile infortunio di Lasagna«Perdiamo un giocatore importante. E’ uno di quelli che ci permette di fare male in ripartenza. Credo sia uno stiramento. Che dire, faremo a meno di lui». E sulle residue speranze d’Europa per l’Udinese: «Non è che se ne perdiamo una, tiriamo i remi in barca. Innanzitutto siamo contenti di lottare con squadre che hanno qualcosa in più di noi. E questo è già un grande successo, perchè quando sono arrivato io le aspettative non erano queste. Abbiamo perso uno scontro diretto col Torino, ora dobbiamo fare meglio nelle prossime gare. Se vogliamo tenere in piedi il sogno che abbiamo, dobbiamo fare nove vittorie. Se perdi oggi e ne vinci tre dopo, non è un problema»