Parma, basta Gervinho e Cornelius: largo ai giovani Zirkzee, Mihaila e Man

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Il Parma è in crisi. D’Aversa ha a disposizione alcuni giovani talenti: perché non lanciare Zirkzee, Mihaila e Man?

Zirkzee, Mihaila, Man potrebbe essere l’attacco del futuro del Parma ma senza presente non c’è futuro. E lo stesso vale in casa ducale. Il Parma visto con il Bologna aveva dato l’idea di squadra arrendevole, priva di idee ma soprattutto di voglia di lottare per rimanere in Serie A. I numeri condannano pesantemente i gialloblù ma c’è ancora un vantaggio per Roberto D’Aversa: il Torino, quartultimo, non è così lontano e c’è ancora tempo, con 48 punti in palio. Bisogna ritrovare le forze e le energie. Cosa non sta funzionando quest’anno a Parma? Sicuramente è mancata unione. Il gruppo è stato cambiato con l’arrivo di tanti giovani stranieri e probabilmente non si è creata quella coesione che sta complicando terribilmente le cose alla squadra di Liverani prima e di D’Aversa poi. Numeri impietosi dicevamo con un pareggio contro il Sassuolo a inizio gennaio che aveva illuso un po’ tutti.

Parma, tutto in alto mare: D’Aversa abbia il coraggio di puntare sui giovani

Da lì si doveva ripartire ma lì si è rimasti fermi. Il Parma però ha continuato a investire, sono arrivati altri giovani talenti come Man e Zirkzee, è arrivato Pellè, è arrivato anche Bani ma sono arrivate anche 5 sconfitte consecutive. L’ultima, in casa del Verona lunedì sera, una sconfitta che può lasciare il segno. Ora deve essere bravo D’Aversa. Il tecnico deve avere il coraggio di lanciare i giovani. Ha continuato a puntare sui vari Gervinho, Cornelius, e altri ma puntare sull’ivoriano svogliato o sul centravanti ex Atalanta che è ancora a secco in questo campionato sta diventando controproducente. Gervinho è la controfigura di se stesso: parte palla al piede con la voglia di saltare la difesa avversaria non una ma tre volte di seguito e finisce sistematicamente col perdere il pallone o per incepparsi sul più bello. Sbagliare è umano, perseverare è diabolico! E allora perché non riaccendere la speranza puntando sulla voglia di emergere e sull’incoscienza di giovani talenti che hanno mostrato di avere delle qualità importanti come Zirkzee, Mihaila e Man. Magari non tutti insieme e dal 1′ minuto ma all’ex Bayern, già domenica con l’Udinese, potrebbe essere data una chance al posto di Cornelius. E perché non puntare nel tridente su uno tra Mihaila (positivo nel finale con il Verona) o Man? Potrebbe essere anche uno stimolo per Cornelius e Gervinho, sin qui troppo ‘sicuri’ del posto fisso. Per salvarsi serve anche coraggio. D’Aversa, se ci sei batti un colpo!