Connettiti con noi

Calciomercato

Pastorello: «Conte ha migliorato Lukaku. Sul trasferimento al Chelsea…»

Pubblicato

su

Parla Pastorello, agente di Lukaku «Durante la sua ultima stagione al Manchester United ha sempre avuto il Chelsea in testa»

Lunga intervista concessa da Federico Pastorello, agente di Romelu Lukaku, ai microfoni di Sky Sports UK. Il procuratore è tornato così sulla scelta del belga di lasciare l’Inter per accasarsi al Chelsea.

MERCATO – «Il mercato ti può offrire certe opportunità. Li considero come i treni che passano e quando il treno giusto si ferma nel posto giusto, devi entrare e partire. Durante la sua ultima stagione al Manchester United ha sempre avuto il Chelsea in testa. Anche il Real Madrid, devo ammetterlo. Questo è un altro suo sogno per la sua carriera, ma il Chelsea è sempre stato al 100% il suo obiettivo. Era l’amore della sua infanzia, quindi c’era sempre questo desiderio di tornare. Era una questione di orgoglio. Lo aveva nella testa e nel cuore»

CONTE – «Due anni di lavoro con Mister Conte lo hanno aiutato. Può segnare col sinistro, col destro, di testa. Si è completato come attaccante lavorando con Mister Conte. Ha anche avuto l’opportunità di migliorarsi personalmente. Si sentiva desiderato. Questo è ciò che non è stato in grado di provare al Man United. Succede. In realtà è stato un altro motivo per cui ha deciso di venire qui: Tuchel ha fatto davvero un discorso fantastico con lui. Gli ha dato la sensazione che lo desiderasse davvero, che fosse l’ultimo pezzo perfetto del puzzle. È molto importante per un giocatore decidere di entrare in una squadra con un allenatore che lo vuole davvero»

CHELSEA – «L’aspettativa è molto alta e quando torna un giocatore del suo livello, la gente pensa che segnerà ogni partita. Si era abituato a farlo all’Inter. Si sta impegnando molto, quindi non sono preoccupato. Sono sicuro al 100% che senza l’infortunio che ne avrebbe fatti più di uno. È nato per segnare. Romelu stanco? Se Mister Tuchel dice così, vuol dire che ne sa più di tutti perché si allena con lui ogni giorno»