Connettiti con noi

Calcio italiano

Peruzzi duro: «Lotito ha mille pregi ma si crede unto dal Signore»

Pubblicato

su

Peruzzi
Ascolta la versione audio dell'articolo

Dopo un lungo silenzio, Angelo Peruzzi è tornato a parlare del suo addio alla Lazio. Queste le sue dichiarazioni

Dopo un lungo silenzio, Angelo Peruzzi è tornato a parlare del suo addio alla Lazio. Queste le sue dichiarazioni, rilasciate ai microfoni di Radiosei.

PARTITE IN TV – «Di partite ne ho viste poche, quasi nessuna. Non seguo tanto il calcio, non mi piaceva farlo neanche quando giocavo. Mio figlio è della Lazio, quando ci sta mio figlio a casa la vedo. Seguo quello che succede, ma non assiduamente, non è che tutti i giorni mi metto a guardare i siti. Ovviamente fossi stato ancora dentro avrei seguito di più».

ADDIO ALLA LAZIO – «Per me non ci sarà mai la possibilità di un ritorno, ma non da parte mia, ma da parte del presidente Lotito. Lui ha diecimila pregi, però ha due difetti: è supponente e si crede unto dal Signore. Questi due difetti stravolgono tutti i pregi che ha, che sono mille. In una società in cui ho lavorato come dirigente per cinque anni, e penso che qualcosa abbia fatto, vado via e non hanno fatto nemmeno un comunicato per dire che si è levato dalle scatole questo rimbambito, arrivederci. Dicono qualsiasi cosa che riguarda i giocatori sui social e non potevano fare una comunicazione del genere? Se non l’hanno fatta, allora è stato giusto che andassi via. Sono un po’ deluso, vuol dire che allora tutte le mie supposizione di non contare più niente erano veritiere. Non lo so come si è venuta a creare questa situazione. Lotito ha quei due difetti e l’altro che comanda insieme a lui la stessa cosa. Perché le sanno solo loro le cose, gli altri sono tutti stupidi. L’altro è Tare? Eh sì. Tu non conti niente, perché contano loro due. La dentro non puoi lavorare come vorresti e quindi a un certo punto arrivederci e grazie. Io gli ho detto anche al presidente: se devo avere tre permessi per avere un secchio di vernice per la porta significa che non conto nulla, sono come l’usciere. Se chiedo un secchio di vernice dopo tre minuti deve arrivare quello che vernicia le porte. Proposta di ritorno? Irrealizzabile. Io voglio un bene dell’anima alla Lazio, ai ragazzi e all’ambiente. Sono stato lì più di dieci anni, è stato un pezzo della mia vita. Ma tornerei alle condizioni che dico io, ossia quelle che avevo chiesto al mio arrivo cinque anni fa: nel mio campo dovevo muovermi senza che nessuno mi intralciasse il lavoro e invece non mi fanno contare niente. Ti dicono sì, tu puoi fare quello che vuoi, ma in definitiva non ti fanno contare nulla»,

CENA DI NATALE – «Dei giocatori che sono andati via dalla cena di Natale ho saputo, ma dicono che non era fatto di proposito. Mi sembra strano che i giocatori si alzino e vadano via, non è cortese. Con Peruzzi se ne sarebbero andati alle 9 invece che alle 11 (ride, ndr). Una cosa del genere mi avrebbe fatto arrabbiare parecchio. Penso che non sarebbe successa comunque».