Pisa, calciatori pronti alla messa in mora

gennaro gattuso
© foto www.imagephotoagency.it

Inviata oggi la diffida al club del Pisa per il mancato pagamento degli stipendi: quali saranno le scadenze da rispettare?

La situazione del Pisa sta diventando un paradosso sempre più acceso: da un lato, infatti, sia dipendenti che collaboratori della società toscana non ricevono lo stipendio ormai da mesi e spesso attraverso i media il tecnico Rino Gattuso ha fatto luce su questa situazione. Tuttavia, il campo sta dicendo altro, visto che le prestazioni della neo-promossa in B e anche i risultati sono dalla parte del gruppo toscano allenato da Gattuso. Ma il tempo delle chiacchiere è finito: è di quest’oggi, infatti, la notizia secondo cui i calciatori del Pisa siano pronti alla messa in mora.

LA DIFFIDA – Attraverso un legale dell’Associazione Italiana Calciatori, infatti, la maggior parte dei calciatori del Pisa ha inviato una diffida alla società ai sensi dell’articolo 13 dell’accordo collettivo per il mancato pagamento degli stipendi: viene dato tempo al club fino al 16 ottobre (scadenza imposta dalla Covisoc che infliggerà punti di penalizzazione qualora non dovesse essere rispettata) altrimenti poi scatterà la messa in mora. In soldoni, il Pisa dovrà versare circa un milione di euro entro il 16 ottobre: qualora, invece, ciò non dovesse accadere, il club toscano avrebbe 20 giorni di tempo dopo la messa in mora per regolarizzare la sua posizione, altrimenti i calciatori sarebbero liberi di svincolarsi.