Roma in crisi: fermata in casa dal Verona ultimo

© foto www.imagephotoagency.it

Tra Roma e Verona decidono le reti di Nainggolan e Pazzini. Dall’inviato allo Stadio Olimpico di Roma Massimiliano Bruno

Nella prima frazione di gara il vantaggio della Roma con Nainggolan schierato inizialmente da Spaletti sulla linea di trequartisti, nella ripresa il pareggio del Verona firmato dal solito Pazzini – che ha evidentemente un conto aperto con la Roma – dagli undici metri.

PRIMO TEMPO – Spalletti sceglie il fidato 4-2-3-1 per la sua prima (si fa per dire) panchina giallorossa: Nainggolan scala di qualche metro per affiancare De Rossi a copertura della difesa, mentre avanzano Florenzi (a sinistra) e Nainggolan (non Pjanic) sulla linea dei trequartisti a supporto di Dzeko. Delneri risponde con un 3-5-2 e lancia il neo acquisto Rebic. Buona presenza territoriale della Roma in avvio, all’8’ minuto è Salah a sprecare da posizione favorevole cercando l’assist invece del tiro, sugli sviluppi gran botta di Nainggolan che non ha esito favorevole. Castan la combina grossa al 16’: palla persa in favore di Wszolek che non sfrutta l’occasione, il centrocampista del Verona si ripete dopo pochi istanti e nell’occasione Szczesny deve distendersi per evitare la rete del vantaggio ospite. Chanche per Pjanic al 26’: azione che parte da Dzeko stranamente defilato a sinistra, apertura per Salah il cui cross è respinto dalla difesa veneta, irrompe Pjanic che però sbaglia mira. Delneri ha impostato la gara sulle ripartenze: il suo Verona riesce a passare a destra con relativa semplicità, al 34’ si rivede la Roma con una punizione di Digne che non crea grattacapi a Gollini. Palo di Dzeko al 39’ sugli sviluppi di un’azione confusa in area gialloblu, il vantaggio della Roma arriva al 40’: giocata eccellente di De Rossi che controlla il pallone al volo e con il tacco serve Nainggolan, il belga è reattivo nel battere di prima intenzione e trafiggere Gollini. Ci prova anche Salah nel finale, all’intervallo si va sul risultato di 1-0, uomini di Spalletti avanti.

SECONDO TEMPO – Due sostituzioni per Delneri in avvio: fuori Bianchetti ed Emanuelson, dentro Hallfredsson e Fares. Pronti via e Szczesny deve salvare ancora una volta su Wszolek, per distacco il migliore dei suoi, l’avvio della Roma è choc considerato il palo centrato di Rebic al 4’ minuto, diagonale perfetto del neoarrivo ed il legno grazia i giallorossi con l’estremo difensore polacco che in estensione non era riuscito ad arrivare sul pallone. Palo anche per Salah: gran conclusione volante dell’egiziano e risposta di Gollini che si aiuta con il legno e tiene il Verona in partita. L’esterno giallorosso si ripete al 12’ con un’iniziativa personale, si perde però al momento del tiro e quando rientra per calciare con il sinistro è troppo tardi e Gollini ha recuperato la posizione per opporsi: Roma che però balla più del dovuto, al 14’ Szczesny si supera per evitare la rete di Rebic. Al 15’ minuto arriva il meritato pareggio del Verona: Castan commette fallo in piena area di rigore su uno scatenato Wszolek, si incarica della battuta del penalty Pazzini che trasforma calciando forte e centrale. Due chance per la Roma con Florenzi e De Rossi, è Dzeko a sprecare clamorosamente al 30’ a tu per tu con Gollini perfettamente servito dal connazionale Pjanic. La Roma ci prova nel finale ma piuttosto confusamente, la chance super arriva ancora sulla testa di Dzeko ma il bosniaco manda alto: finale all’Olimpico, 1-1 tra Roma e Verona.

ROMA IN CRISI – Il copione della gara: Spalletti varia più volte, forse troppo, l’assetto tattico della sua Roma alla ricerca di una strada che preveda di fare breccia nella difesa avversaria ma il primo tempo non gli viene incontro sul piano della prestazione, meglio su quello del risultato con il gol di Nainggolan scaturito dalla grande giocata di De Rossi. Il Verona, condizionato dalla sua deficitaria classifica anche sul piano della fiducia, si è limitato ad orchestrare alcune ripartenze sulla sua corsia destra, ma con una certa continuità d’esecuzione. Roma malissimo in avvio di ripresa e Verona più volte vicino al pari, gol che poi arriva in seguito all’iniziativa del solito intraprendente Wszolek: fallo di un Castan in evidente difficoltà, rigore di Pazzini e Roma a pezzi nella tenuta sul suo lato mancino. Roma in crisi: di gioco e di risultati.

TABELLINO – ROMA – HELLAS VERONA 1-1

Marcatori: Nainggolan (R) 40’, Pazzini (V) 60’ rig.

Ammoniti: Hellas Verona – Sala, Greco

Espulsi:

Roma (4-2-3-1): Szczesny; Torosidis (al 73’ Iago Falque), Manolas, Castan (al 66’ Rudiger), Digne; De Rossi, Pjanic; Salah, Nainggolan, Florenzi; Dzeko. In panchina: De Sanctis, Lobont, Gyomber, Emerson, Marchizza, Vainqueur, D’Urso, Soleri, Totti, Sadiq. Allenatore: Luciano Spalletti

Hellas Verona (3-5-2): Gollini; Bianchetti (al 46’ Fares), Moras, Helander; Sala, Wszolek (al 73’ Gomez), Greco, Ionita, Emanuelson (al 46’ Hallfredsson); Rebic, Pazzini. In panchina: Rafael, Coppola, Zaccagni, Winck, Checchin, Jankovic, Riccardi. Allenatore: Luigi Delneri