Totti, Sabatini e Conti: chi resta? | Ts

© foto www.imagephotoagency.it

Atteso il ritorno in Italia di Pallotta: tre nodi da sciogliere

Cresce l’attesa per il ritorno in Italia di James Pallotta. Sono molti i temi caldi che il patron della Roma dovrà affrontare e l’agenda, dunque, si preannuncia fitta di impegni. L’unico aspetto del quale non dovrà occuparsi è il campo, visto che c’è Luciano Spalletti, il quale sta tra l’altro dimostrando la bontà del suo lavoro. Sul tavolo il futuro di Francesco Totti, Bruno Conti e Walter Sabatini.

NODI DA SCIOGLIERE – Si trascina da tempo il nodo relativo al futuro del capitano giallorosso, che vuole giocare e quindi rinnovare per un altro anno. La volontà di Totti contrasta con quella della società, che lo vorrebbe inserire nei quadri dirigenziali. Alla fine, però, Pallotta, secondo Tuttosport, dovrebbe accontentare l’attaccante per non andare allo scontro. Discorso simile per il direttore sportivo, che, nonostante un altro anno di contratto, ha rimesso a parole il mandato nelle mani del presidente. La sensazione è che potrebbe decidere di restare, vista la ripresa della squadra. E non sarebbe la prima retromarcia di Sabatini. Infine, c’è da risolvere la querelle-Conti, a capo del settore giovanile per anni. I suoi poteri sono stati progressivamente erosi e ora c’è l’idea di farlo diventare capo degli osservatori. Una proposta poco allettante per Conti, ancor meno intrigato dalla possibilità di occuparsi dei campus Usa. L’unico sicuro di restare è Mauro Baldissoni: il rinnovo del direttore generale è una formalità.