Roma, Zaniolo: «Ho rifiutato la Primavera della Juventus per l’Inter»

© foto www.imagephotoagency.it

Nicolò Zaniolo, retroscena di mercato che pochi conoscono. Il centrocampista della Roma rifiutò la primavera della Juventus per accasarsi all’Inter.

Nicolò Zaniolo è uno dei migliori baby talenti italiani, un giovane che negli ultimi mesi è riuscito ad attirare i riflettori di tutta l’Italia calcistica, perché ha avuto alcuni privilegi di solito riservati a pochi predestinati: esordire in Champions League al Bernabeu da titolare contro il Real Madrid ed essere convocato in Nazionale, il tutto senza aver mai giocato un minuto in Serie A.

IL NO ALLA JUVE. Centrocampista della Roma, l’ex primavera dell’Inter con cui ha vinto lo scudetto, Nicolò Zaniolo è un ragazzo che oltre ad importanti doti tecniche, possiede già pure un certo carattere non comune per la sua età; lo si vede in campo, ma anche fuori, perché non tutti hanno la forza e il coraggio di rifiutare l’interesse della Juventus. Ebbene sì, proprio la squadra campione d’Italia, un retroscena di mercato che non tutti conoscono e che Zaniolo ha raccontato ai microfoni de L’Ultimo Uomo: «C’erano Inter e Juventus che volevano prendermi, ma ho preferito l’Inter perché ho pensato che il progetto fosse più giusto per me». Ma non è il solo, perchè Zaniolo parla anche della trattativa con la Roma che si è conclusa in soli sette giorni:«Non ci ho pensato due volte a dire di sì alla Roma e la trattativa si è conclusa in una settimana. Il mio volere era forte, come quello della società, quindi ero e sono contentissimo. Sono arrivato tardi, a metà agosto, e ho pensato solo ad allenarmi bene».

PRIMAVERA INTER. Il talento di Massa racconta anche della sua esperienza con la primavera dell’Inter, fondamentale per il suo percorso di crescita:«In Primavera dipende tutto dall’atteggiamento, ma se la affronti con lo spirito giusto ti può far crescere. E io sono riuscito a fare molti gol inserendomi da dietro in area di rigore. Però quando sono arrivato all’Inter mi mancavano tante cose e Stefano Vecchi è riuscito a colmarmele e devo ringraziarlo tanto. Vecchi è stato il primo a dire che dovevo fare la mezzala. Finora in carriera nelle giovanili i miei gol li ho sempre fatti».

Un’appagante rivincita per Nicolò Zaniolo, se pensiamo che soli due anni fa è stato scartato dal settore giovanile della Fiorentina perché non ritenuto all’altezza. Successivamente una breve parentesi alla Virtus Entella con 7 gettoni, poi il no alla Juventus, la conquista dello scudetto primavera nerazzurro, l’esordio da titolare in Champions e la convocazione in Nazionale. Tutto in pochi anni, come nelle favole.