Connettiti con noi

Calcio italiano

Serie A, per l’AIA sono 8 gli errori certi nelle prime 12 giornate

Pubblicato

su

Maresca
Ascolta la versione audio dell'articolo

L’AIA ha fatto il punto della situazione degli arbitri in Serie A dopo 12 giornate: 8 errori certi

Dopo 12 giornate di Serie A l‘AIA ha fatto il punto della situazione degli arbitraggi in campionato.  Promosso a pieni voti Doveri dopo il derby di Milano, molto generoso ma non da Var il primo rigore concesso al Venezia, sbagliata la revisione su quello concesso all’Atalanta, ma non la decisione finale di toglierlo, sbagliatissima la revisione sul mani di Bastoni in Spezia-Torino, giustamente non assecondata da Orsato.

Come riporta Sky Sport sono 8 gli errori certificati dalle statistiche VAR emerse dopo la dodicesima giornata. Tra gli altri il gol annullato a Linetty in Torino-Genoa e quello non annullato a Pasalic in Atalanta-Milan. L’utilità del Var rimane fuori discussione: secondo i dati Aia senza il Var gli errori sarebbero stati il 6,57% sul totale delle decisioni prese. Una percentuale che scende grazie al Var a 1,46%. Non c’è neanche un problema di eccesso o difetto di Var: il numero di interventi è appena sopra la media Uefa: esattamente una revisione ogni tre partite. Naturalmente la fanno da padrone le review sui rigori, 22, rispetto alle 15 sui gol e alle sole 3 per espulsioni. Rigori che restano ancora troppi rispetto alle medie europee, ma forse la colpa non è soltanto degli arbitri, bensì anche dell’equilibrio improvvisamente precario di troppi attaccanti in area.