Spalletti carica l’Inter: «Ramires? Qualcosa faremo. Milan? Ritardo pesante. Joao Mario…»

© foto www.imagephotoagency.it

L’allenatore dell’Inter ha parlato dello Scudetto, del cammino nerazzurro, del Milan e di tanto altro. Ecco le parole di Spalletti

L’Inter è al terzo posto della classifica. Negli ultimi anni diversi allenatori hanno avuto una partenza sprint, come ad esempio Stramaccioni e Mancini ma le formazioni nerazzurre si sono sciolte come neve al sole con il passare delle settimane. Spalletti, allenatore dell’Inter, è certo che tutto questo non accadrà: «All’inizio ho dovuto portarmi dietro un po’ di tutto. Non potevo fare delle scelte. C’era da caricare la squadra, la società, i tifosi. Ora il più è fatto. Abbiamo messo basi importanti e difficilmente torneremo indietro».

Prosegue il tecnico: «Vedo gli occhi dei miei giocatori. Hanno tutti voglia di continuare a costruire qualcosa di importante. Siamo diversi. E’ un’Inter diversa rispetto a quella che in passato è andata in difficoltà dopo una serie positiva». L’allenatore ha lanciato una frecciata al Milan: «Obiettivi? Ormai siamo rimasti in 5: la Roma è rientrata e poi c’è anche la Lazio. Il Milan? Ha un ritardo pesante. Inaspettato. Ma nella mia carriera ne ho viste di grandi rimonte». L’allenatore ha poi parlato dei nuovi arrivati («Borja Valero e Vecino due nazionali, stanno facendo bene; Skriniar è un campione») e del mercato: «Joao Mario è un titolare, è giusto che ci tenga a essere più spesso titolare e io lo considero un titolare. Ramires? Non chiedetemi di parlare di uno che potrebbe togliere il posto a Joao Mario. Gennaio? Se puoi migliorare qualcosa è bene farlo ma mi dispiace che ora nessuno parli di Inter fortunata. Chiesa? Fortissimo».