Udinese, Handanovic: “Questa maglia la sento mia”

© foto www.imagephotoagency.it

Il portiere bianconero ricorda il triste momento dell’eliminazione della sua Nazionale dal Mondiale. Il gol di Donovan, in pieno recupero contro l’Algeria, regalava il passaggio del turno agli Stati Uniti ed estrometteva la Slovenia, che usciva sconfitta per 1-0 dalla sfida di Port Elizabeth contro l’Inghilterra: “Abbiamo saputo in campo dell’eliminazione, la nostra partita era già  finita quando è arrivata la notizia del gol degli Stati Uniti. Il calcio è fatto così: una volta ti dà , una volta ti prende. Rimane un po’ di amaro in bocca perchè come sono passati gli americani potevamo passare anche noi, ma resta la consapevolezza di aver fatto una bella figura e di aver ottenuto la prima vittoria in una rassegna iridata”.

Dove ha sbagliato la Slovenia? “Probabilmente nella partita contro gli yankees. Eravamo andati al riposo con due reti di vantaggio e avremmo dovuto amministrare il risultato. Invece, appena tornati in campo, abbiamo subito il gol che ha riaperto il match”.

Il numero uno è pronto per la sua quarta stagione in bianconero: “La voglia di fare bene è sempre la stessa. Questa maglia la sento anche mia, non ha senso lasciare l’Udinese se non per una squadra di vertice assoluto. Noi possiamo collocarci nella fascia medio alta, anche se la concorrenza è agguerrita”.

Imparare dagli errori del passato: “L’anno scorso la difesa era finita sul banco degli imputati, ma non penso si trattasse di un problema di un singolo reparto. La squadra era in difficoltà  e il reparto arretrato subiva una sollecitazione eccessiva. Eravamo votati all’attacco, così prestavamo il fianco ai contropiedi avversari”.

Torniamo in Sud Africa. Qual è stato il miglior portiere della Coppa del Mondo? “Iker Casillas”.

Ci sono altri cinque portieri in ritiro che si allenano insieme all’estremo difensore sloveno: “Sono tutti molto bravi, ma il nostro è un ruolo particolare: purtroppo solo uno scende in campo la domenica. Per crescere e migliorare bisogna giocare, non basta allenarsi. E’ importante misurarsi sotto pressione”.

Fonte | Udinese.it