Ventura spinge l’Italia: «Saremo la sorpresa del Mondiale»

ventura italia
© foto www.imagephotoagency.it

Il commissario tecnico della Nazionale ha parlato di Lippi, Conte, del futuro, dei giovani, del Mondiale. Ecco le parole di Ventura

L’Italia ‘sperimentale’ ha battuto San Marino per 8 a 0 mettendo in evidenza numerosi giovani che potranno tornare molto utili, nel prossimo futuro, a Giampiero Ventura e alla sua Nazionale. Il tecnico ha parlato in una lunga intervista al “Corriere dello Sport” della sua avventura in Nazionale. Ora, da ct, è meno allenatore di campo e più selezionatore, come Lippi nel 2006 che poteva contare su numerosi campioni ma non come Conte che ha sfruttato il lavoro per costruire una squadra. Il ct sente un nuovo amore nei confronti della Nazionale e parla dell’Italia come possibile rivelazione al Mondiale del 2018: «In 8 mesi abbiamo risalito il ranking e abbiamo scoperto una generazione. Il mio modello sono le Nazionali vincenti come quella di Bruno Conti, Gentile, Cabrini, ma ora devo assicurare a questa squadra un futuro, basta che tutti lo vogliano: vedrete, saremo la sorpresa del Mondiale. Potrebbero essere assolutamente utili le seconde squadre, insieme a tante altre cose. Negli ultimi dieci anni tutte le squadre ai preliminari di Champions sono state eliminate è evidente che c’è qualcosa che non va. Pensi che nell’anno dei Mondiali la federazione tedesca, che vuole giocare per vincere, inizia il campionato con 3 settimane di anticipo rispetto al normale. Io ho chiesto solo quel famoso mini anticipo di tre giorni per poter avere magari un minimo di gamba in più nella partita con la Spagna ed è scoppiata una guerra civile. Ciò che il calcio italiano deve stabilire è il ruolo che la Nazionale deve avere e poi decidere di conseguenza».