Inter, Wanda Nara: «L’Italia voleva Icardi, Maxi Lopez mi ha stufata»

wanda nara icardi inter
© foto www.imagephotoagency.it

Wanda Nara a cuore aperto: la moglie ed agente di Mauro Icardi svela i propositi del capitano dell’Inter, parla di calciomercato e racconta pure i gossip relativi alla nazionale italiana e ovviamente a Maxi Lopez

Wanda Nara onnipresente, nel bene e nel male, nelle cronache calcistiche. La moglie ed agente di Mauro Icardi ha rilasciato nel corso delle ultime settimane un po’ di interviste, sia in Italia che in Argentina. L’ex di Maxi Lopez, protagonista anche di uno spiacevole inconveniente in patria (leggi anche: Wanda Nara allontanata dal palco durante la partita dell’Argentina – VIDEO), ha parlato lungamente della sua relazione con l’attaccante dell’Inter e di tematiche riguardanti anche la carriera di Icardi. Per esempio, quella relativa alla possibile convocazione da parte dell’Italia della punta nerazzurra, che qualche anno fa ha comunque scelto la nazionale Albiceleste: «Sì è vero, la nazionale italiana ha provato a convocare Icardi due o tre volte, ma lui ha sempre rifiutato», ha dichiarato l’ex showgirl argentina a Telefe. Immancabile il solito riferimento all’ex marito Maxi Lopez, da poco accasatosi all’Udinese: «Mi ha ingannata a lungo e alla fine mi sono stancata, ma non è vero che Mauro fosse molto amico con lui. Erano stati compagni di squadra ed avevano un buon rapporto, ma i migliori amici di Icardi vivono in Argentina. Maxi e Mauro si sono già incontrati un po’ di volte ed è sempre stato tutto calmo, diciamo che il gossip faceva più rumore da fuori che per noi. Io e Maxi Lopez, per il bene dei nostri figli, adesso stiamo provando a mantenere il nostro rapporto il più equilibrato possibile».

La ?

A post shared by Wanda nara (@wanda_icardi) on

Si parla anche della nuova carriera di procuratore della Nara e, ovviamente, del futuro di calciomercato di Icardi. «Quando sono a Milano parlo principalmente italiano, ma sto cercando di imparare anche l’inglese perché la maggior parte dei contratti di Mauro sono in quella lingua – spiega Wanda – . Non era affatto previsto che diventassi il suo agente, ma il suo contratto con l’Inter era in scadenza e mi chiese lui di contattare il presidente per dirgli che avremmo dovuto discutere del rinnovo. In un primo momento io non ero sicura di farlo, ma visto che era per il suo bene, abbiamo preso questa decisione insieme. Adesso Mauro guadagna molto più di prima, ma questo è dovuto principalmente al suo talento. Io come agente non prendo alcuna commissione, tutti i guadagni tanto finiscono in famiglia: siamo un’azienda a conduzione famigliare, diciamo. Con Icardi però distinguiamo sempre bene la Wanda moglie dalla Wanda agente. Prima parliamo di questioni personali e poi di lavoro, magari prima discutiamo di cose professionali e poi litighiamo. Io ho anche dovuto cambiare il mio look a causa del mio nuovo ruolo: adesso ho vari progetti per Mauro sul tavolo e, con il tempo, credo che li metterò in pratica tutti».

Uno di questi non può non riguardante il futuro all’Inter, di cui Icardi è diventato capitano da un paio di stagioni: «Il nostro rapporto con la dirigenza nerazzurra è ottimo, anche a livello personale: per esempio, quando sono nati i nostri figli, ci hanno riempito di regali – conclude la Nara nel corso dell’intervista – . Abbiamo rinnovato con l’Inter tre volte, anche quando c’erano altri club che lo cercavano: la società ha sempre fatto di tutto per trattenerlo, naturalmente migliorando i termini del suo contratto. Per noi l’Inter è una famiglia e stare a Milano ci piace, anche i nostri figli si trovano bene lì. Mauro è felice in nerazzurro ed è pure capitano, quindi non è nostra intenzione andarcene anche se, ovviamente, se lui dovesse cambiare città per lavoro, tutta la famiglia lo seguirebbe».