Zeman è in vena di consigli: «Insigne faccia l’attaccante. Sarri, invece, meno passaggi»

zeman
© foto www.imagephotoagency.it

Zdenek Zeman ha espresso la sua opinione sul Napoli di Maurizio Sarri, non disdegnando nemmeno qualche dritta al mister e a Lorenzo Insigne

Zeman fiume in piena sulle colonne de Il Mattino, a partire dal suo commento sul testa a testa tra Napoli e Juventus per lo Scudetto: «La Juventus non ha un calendario molto buono, ma ha tanti giocatori. E tra tanti giocatori ha anche campioni che possono vincere da soli una partita. Lo scontro diretto sarà importante, ma è importante anche che quelli del Napoli arrivino in buone condizioni alla partita di Torino. Non credo che in campionato ci siano altri passi falsi».

Quindi il discorso si sposta su Lorenzo Insigne, suo calciatore ai tempi del Pescara: «Vedo lo stesso impegno che aveva con me, ma mi piacerebbe vederlo fare più l’attaccante che il centrocampista. Il gioco del Napoli è fatto di possesso, tante palle corte e questo spinge Insigne a tornare indietro, ad accorciare, a fare il centrocampista. Con l’Italia non è lo stesso Insigne? A me non pare che soffra con l’Italia in maniera particolare. Ha sbagliato quel gol che con me non sbagliava, ma può succedere».

In chiusura la domanda tanto attesa: «Il calcio di Sarri è quello più zemaniano di tutti? Vedere il Napoli è una delle cose più divertenti adesso in Italia. Ma è un gioco troppo complicato per uno come me che ama le cose più semplici. E’ un gioco fatto di troppo possesso, di tanti passaggi. Io ne farei sempre qualcuno in meno ma è colpa mia che non capisco. Ma in ogni caso il suo Napoli è una delle poche cose per cui vale la pena accendere la tv per vedere la Serie A».