Connettiti con noi

Calcio italiano

Abodi: «Dobbiamo agire per non minare la fiducia delle persone»

Pubblicato

su

Le nuove parole del ministro allo sport Abodi: «Non amo il giustizialismo, non credo al Tribunale del popolo»

Andrea Abodi, Ministro dello Sport, ha rilasciato nuove dichiarazioni alla presentazione del “Codice di Giustizia sportiva FIGC”. Le parole riprese da TMW.

GIUSTIZIALISMO – «Non amo il giustizialismo, non credo al Tribunale del popolo. Ho il dovere di essere presente per garantire che il tutto venga fatto dagli organi preposti non solo presto, ma anche bene. Non so dirvi cosa sia bene, ma è evidente che da quando sono stato Ministro per una serie di circostanze che fanno parte della cronaca ricevo costantemente e quotidianamente sollecitazioni della gente comune, che è quella che ho il dovere di rappresentare».

FIDUCIA DELLA GENTE – «Il rischio che si corre è che incidenti più o meno gravi come questo o come altri, come la curva in Inter-Samp, le ginnaste, il caso d’Onofrio, possano minarla. Di fronte a questi fatti così espliciti, oggettivi, non possiamo semplicemente aspettare o accompagnare. Dobbiamo far comprendere cosa stiamo facendo e fare in modo che l’opinione pubblica non si lamenti perché pensano che predichiamo e poi nella pratica quotidiana non andiamo in fondo alle cose. E’ un atto di responsabilità che ho fatto mio».

GIUSTIZIA SPORTIVA – «Il rapporto tra Giustizia ordinaria e Giustizia Sportiva, che deve godere dell’autonomia relativa, è un tema che sta alla base della credibilità e della reputazione del sistema. Deve essere questo in cima all’agenza di Governo per quanto mi riguarda e i miei colleghi sono d’accordo. Lavoriamo per raggiungere gli obiettivi, stiamo affrontando il tema della Melandri, della tutela dei marchi, del contrasto alla pirateria, di come favorire investimenti sulle infrastrutture, il diritto alla scommessa per dividerà l’azzardo dall’abilità. Vogliamo contrastare gli aspetti patologici, ma difendendo il gioco legale altrimenti favoriamo quello illegale. Ce ne stiamo occupando con serietà e con una visione d’insieme».

INCONTRO CON GRAVINA – «Sì era previsto perché riguarda tematiche di sistema nel suo complesso. Dobbiamo ragionare in chiave sistemica, non in modo disarticolato. Ci sono norme come la riforma dei campionati e l competitività degli stessi che passano per confronti con la Federazione e con le varie leghe. E’ l’unico modo in cui cercheremo a costruire l’agenda».

CONTINUA A LEGGERE SU JUVENTUSNEWS24.COM

News

video