Allegri, la Spal nel mirino: «Vincere e far giocare il Napoli a -7. Out Khedira. Sul Real Madrid…»

allegri
© foto www.imagephotoagency.it

Tutti i temi della conferenza di Allegri verso Spal-Juventus. Higuain titolare, Buffon in porta Convocati: manca Khedira, fermato dall’influenza. Juventus-Real Madrid, il commento del tecnico

L’urna di Nyon mette in scena il remake di Cardiff. Juventus-Real Madrid, andata e ritorno, quarto di finale più importante dell’edizione 2017/2018 di Champions League. Max Allegri in conferenza stampa, però, rinvia tutti i pensieri europei dopo la sosta: «Adesso pensiamo a Spai-Juve, una partita che non non è scontata. Loro nelle ultime partite hanno fatto sette punti e non ha mai perso nelle ultime 10 partite in casa. La squadra è in crescita fisicamente e mentalmente; negli ultimi tempi siamo cresciuti molto nella seconda parte di gara. Domani dobbiamo prendere i tre punti facendo una gara attenta e paziente, per far giocare il Napoli con sette punti di distacco».

Allegri ricorda il proprio passato e l’esperienza in quel di Ferrara: «Quando arrivai alla Spal si respirava l’aria del grande calcio e sentivi il peso della storia. Era stata un’annata bella, con molti giocatori tecnici». Si passa poi alla probabile formazione di domani: «Per quanto riguarda gli indisponibili: a parte Khedira influenzato e Benatia squalificato gli altri sono a disposizione. Higuain sta bene e domani giocherà contro la Spal. Mandzukic non è in una condizione ottimale, ma fa sempre delle buone prestazioni ed è importante per la squadra. Rugani-Barzagli? Potrebbero anche giocare tutti e due». Assente dalla lista dei convocati il centrocampista tedesco Sami Khedira, fermato dall’influenza.

C’è spazio anche per alcune brevi battute sul prossimo avversario ai quarti di Champions, il Real di Zidane: «Il Real Madrid è un bellissimo avversario. Si lavora per queste sfide e va presa con positività. Sono convinto che sia la favorita della Champions. Sfruttando le nostre armi ce la faremo e se la batteremo sarà ancora più bello». Il tecnico bianconero, poco prima di parlare in conferenza, aveva postato questo tweet sul proprio profilo ufficiale: «Nella boxe se vuoi diventare campione, devi batterti con quello uscente: sfruttando le nostre armi ce la faremo».