Allegri: «Inter? Sfida importante per noi e per loro. Su Evra e sul futuro…»

juventus - barcellona
© foto www.imagephotoagency.it

Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida interna con l’Inter. Le ultimissime notizie

Vigilia di campionato per Massimiliano Allegri. Il tecnico della Juventus ha parlato in conferenza stampa per presentare il match con l’Inter in programma domani sera alle 20:45 presso lo “Juventus Stadium” e valevole per la 23esima giornata di Serie A. Queste le parole dell’allenatore bianconero: «Marchisio? E’ disponibile, sta meglio. E’ normale attraversare questi periodi. Domani abbiamo una partita veramente bella da giocare, importante, sia per noi che per loro. Due squadre che hanno gli organici per puntare a vincere il campionato. Fortunatamente per noi loro sono partiti male perché nelle ultime 10 hanno fatto 25 punti. Barzagli? Ha ancora un po’ di febbre, vedremo oggi. Modulo? Questo era il momento di cambiare. Ora affronteremo l’Inter, poi il Crotone: tutte le partite, da qui alla fine ci serviranno da stimolo. La partita dell’andata è stata una partita strana con delle disattenzioni sui gol. Non è una rivincita per noi, è una partita importante. Entriamo in una fase calda e dobbiamo farci trovare pronti. Futuro? Rapporti ottimi con la società, ho ancora un anno e mezzo di contratto. La priorità è fare bene, quindi vincere. Dybala? Veniva da due mesi di stop, lui come tutti gli altri devono capire che quando un allenatore toglie un giocatore è perché c’è bisogno di forze fresche o perché c’è bisogno di determinate caratteristiche. Lichtsteiner? Conoscete le vicende di mercato estive, non nascondiamo nulla. Lui è un professionista, non avevamo dubbi, e lo ha dimostrato. Sarà importante per noi come lo sarà Dani Alves che ha capito il calcio italiano ed è tornato ad avere una buona condizione. janic? Ha grandissime qualità e può ancora migliorare nella fase di distribuzione di gioco perché ogni tanto gioca delle pallette a 5 metri che mi fanno imbestialire. Formazione? Non ci saranno stravolgimenti nello schieramento. Farò le scelte in base alla condizione dei giocatori. Evra? Ha dato tanto e lo ringrazio. E’ stato onesto: non poteva accettare questa situazione e lo capisco».