Djimsiti e Freuler: «Atalanta? Che salto!»

© foto www.imagephotoagency.it

Il difensore e il centrocampista si sono presentati in conferenza stampa

Giornata di presentazioni in casa Atalanta. Oggi è stato il turno di Berat Djimsiti, difensore arrivato dallo Zurigo, e di Remo Freuler, centrocampista preso dal Lucerna.

RAMPA DI LANCIO – Ha esordito Djimsiti: «La trattativa non è stata difficile: stavo cercando una nuova squadra e sono arrivato qui perché l’Atalanta è stato il club che mi ha cercato di più. De Biasi e Tramezzani mi hanno parlato molto bene di questa squadra e di questo campionato. E’ un’opportunità molto importante per me, perché può essere una rampa di lancio per la mia carriera e per conquistare gli Europei. Sono un difensore centrale molto aggressivo: in allenamento e durante le partite mi piace giocare anche avanti, sui corner e sui calci piazzati. Giocare la palla da dietro è una delle mie caratteristiche. Idoli? Quando ero piccolo Zidane, ora Ronaldo, perché raggiunge i suoi obiettivi solo con il lavoro. Non vedo l’ora di affrontare Pogba. Mi piacciono gli stadi italiani e le tifoserie».

SALTO DI QUALITA’ –  Poi ha preso la parola Freuler: «Sono un centrocampista tecnico, a cui piace tenere il pallone ma che gioca sempre per la squadra. Ho giocato tutte le partite per 90 minuti quest’anno, abbiamo fatto una grande preparazione a Lucerna. Mi sento molto bene fisicamente, posso dare tanto. Basha? Ci ho parlato, mi ha detto che per me è un grande passo in avanti. Mi ha parlato molto bene di Bergamo e dell’Atalanta. La trattativa è stata lunga, perché il Lucerna mi voleva tenere. Non è stato facile andare via, ma credo di aver preso la decisione giusta. Qui c’è uno dei centri sportivi più belli che abbia mai visto, questo trasferimento rappresenta per me un grande salto di qualità».